Fisicamente

di Roberto Renzetti

Uno studio  sui crimini commessi dai nostri soldati in Jugoslavia durante l’occupazione Simonetta Fiori (da Repubblica del 3 maggio 2005) La lista dei crimini è lunga: villaggi incendiati, stragi, rappresaglie, esecuzioni indiscriminate di partigiani, deportazione di migliaia di civili nei campi di concentramento, sevizie e torture. I responsabili sono quegli Italiani senza onore – cosi il titolo del …

Continua a leggere

i crimini di Theodor Saevecke capo della Gestapo Luigi Borgomaneri DATANEWS Editrice http://www.associazioni.milano.it/isec/ita/memoria/index.htm Per gentile concessione della casa editrice Datanews e dell’autore, pubblichiamo in anteprima Hitler a Milano. I crimini di Theo Saevecke capo della Gestapo nella versione aggiornata alla luce delle nuove fonti emerse nel corso del processo celebrato dal Tribunale militare di Torino a carico …

Continua a leggere

http://www.cronologia.it/mondo38v.htm Introduzionedi GIAN LUIGI FALABRINO Lo studio di Giacomo Scotti sugli eccidi del settembre 1943 in Istria è volutamente limitato nel tempo e nei luoghi: non considera infatti le deportazioni e le foibe delle quali furono vittime goriziani e triestini nel maggio 1945, né lo stillicidio di vittime in Istria in mezzo ai due terribili …

Continua a leggere

Roberto Renzetti  (17-11-2000) E’ certamente utile conoscere fino a che punto era arrivata la criminalità nazista e fascista. Vi sono storie poco note e queste sono quelle relative all’occupazione tedesca ed italiana dei territori della ex Yugoslavia. Quando si sarà studiata questa parte, allora si sarà meglio in grado di dare un giudizio complessivo su …

Continua a leggere

[Propongo la lettura di questo documento storico. Ha ormai compiuto oltre 150 anni. Molte cose qui rivendicate non hanno semplicemente più senso. Lo spirito della difesa dei più deboli resta invece intatto. La Dittatura del Proletariato che viene auspicata, fu aggiunta successivamente nel testo, dopo il massacro dei comunardi francesi sotto le cannonate della monarchia reazionaria. Il fatto che oggi …

Continua a leggere