Fisicamente

di Roberto Renzetti

LA TERZA CROCIATA

Quanto accaduto ad Hattin, in tutta la sua drammaticità, si seppe in tempi rapidissimi in Europa e tutta la cristianità ne restò sconvolta. L’orrore crebbe dopo l’altra drammatica notizia: la caduta di Gerusalemme. Nessun principe o re europeo aveva immaginato o aveva fatto finta di non sapere cosa gradualmente accadeva laggiù. Chiunque fosse andato o come pellegrino o come combattente in Terra Santa tornava parlando di corti ricche, di vita gaia e spensierata, a livelli non conosciuti in Europa. Invece tutto crollava. Forse solo i Papi (che iniziarono a farsi chiamare “vicari di Cristo”), mediante le relazioni inviate dalla catena dei chierici (e non certo di Eraclio), erano al corrente della situazione via via degradata.

                                                                                                                                                                                                                          Coloro che erano scampati dalle sanguinose battaglie o erano semplicemente profughi, si erano riversati su Tiro, dove il nuovo arrivato, Corrado del Monferrato, dava sicurezza a tutti. Ma tutti sapevano che Tiro non avrebbe potuto resistere a lungo senza aiuti dall’Europa ed allo scopo di chiederne il vescovo di Tiro, Giosia, partì per un viaggio (fine estate 1187) che avrebbe dovuto raggiungere tutti i potenti del Vecchio Continente. Iniziò con Guglielmo II di Sicilia che rimase addolorato e scrisse a vari Re per chiedere aiuto in una nuova crociata. La sua disponibilità era comunque al momento limitata perché dal 1185 era impegnato in una guerra con Bisanzio per il possesso di Tessalonica. Fece rapidamente pace con l’Imperatore di Bisanzio Isacco II(9), fece ritornare la flotta dal Pireo perché venisse riparata (era stato duramente sconfitto nell’ultima battaglia con i bizantini) e quindi la fece partire per Tripoli con 300 cavalieri. Giosia invece partì alla volta di Roma dove erano già stati informati della gravità della situazione dai genovesi. Il Papa Urbano III, gravemente malato, dicono che morì di dolore nel conoscere i dettagli che Giosia riferiva. Il successore, Gregorio VIII, scrisse immediatamente  a tutti i fedeli occidentali per raccontare la perdita della Terra Santa e della Vera Croce per ricordar loro che già dalla perdita di Edessa si sarebbe dovuti intervenire. Ora non si poteva più tergiversare ed occorreva intervenire subito pentendosi per non averlo fatto prima. Va comunque detto che lo scritto del Papa era relativo alla notizia della sconfitta di Hattin perché ancora non si era saputo della presa di Gerusalemme, La Chiesa si impegnava a custodire i beni di chi partiva e garantiva a tutti i nuovi crociati indulgenza plenaria. Per penitenza ordino il digiuno il venerdì per 5 anni e l’astinenza dalla carne mercoledì e sabato (la corte pontificia avrebbe fatto digiuno anche il lunedì). La Bolla papale si chiama Audita Tremendi ed è del 29 ottobre 1187. La riporto:

Avendo udito la notizia del tremendo giudizio divino con cui la mano del Signore si è abbattuta sulla terra di Gerusalemme, noi e i nostri fratelli siamo confusi da tanto orrore e afflitti da tanto grandi dolori da non sapere che cos’altro fare se non piangere col Salmista: «Dio, i gentili sono entrati nel tuo retaggio, hanno profanato il tuo sacro tempio; hanno rovinato Gerusalemme, hanno dato le carni dei tuoi santi in pasto alle belve della terra e agli uccelli dell’aria» [Salmi, 78,1]; poiché il Saladino, approfittando della discordia scoppiata in quella terra a causa della malvagità degli uomini istigata dal Demonio, è giunto là con gran quantità di uomini. Gli sono andati incontro il re [Guido da Lusignano], i vescovi, i Templari, gli Ospedalieri, i baroni e i cavalieri col popolo tutto e la [reliquia della] croce del Signore (attraverso la quale, per le memorie e la fede nella passione di Cristo che su di essa fu crocifisso e riscattò il genere umano, soleva esservi un sicuro baluardo e un’insostituibile difesa contro le incursioni pagane). Ci fu battaglia e i nostri furono sbaragliati; perduta la croce del Signore, trucidati i vescovi, catturato il re e quasi tutti o passati per le armi o trucidati, salvo pochissimi salvatisi con la fuga; i Templari e gli Ospedalieri furono tutti decapitati sotto gli stessi occhi del re. Una volta disperso l’esercito riteniamo inutile riferire come [i saraceni] abbiano tutto invaso e saccheggiato, tanto che pochi sono restati i luoghi non ancor in mano loro…

Ma certamente noi… dobbiamo con sincero pentimento [per quanto è accaduto a] quella terra considerare non solo i peccati dei suoi abitanti, ma anche i nostri e quelli di tutto il popolo cristiano, affinché non vada perduto anche quanto ci è di quella terra rimasto, e il loro [dei saraceni] potere imperversi anche in altre regioni. Poiché da ogni parte fra re e principi, fra città e città udiamo discordie e scandali, tanto da farci piangere e dire col Profeta: «Non c’è verità, non c’è conoscenza di Dio sulla terra; dilagano la menzogna, l’omicidio e l’adulterio; e il sangue si sparge sul sangue» [Osea, 4, 2]. Per cui è necessario, col pensiero e con l’azione, correggerci con una volontaria penitenza e con pie opere convertirci al Signore, e prima rimediare al male che abbiamo fatto, poi assalire i feroci e malvagi nemici e non esitare in alcun modo a fare in pro di Dio ciò che essi non temono di osare contro di Lui…

 E non vi diciamo di abbandonare ciò che avete, ma al contrario di depositarlo anzi tempo nel granaio celeste,… impegnandovi nel recupero di quella Terra nella quale per la nostra salvezza sorse la Verità, e non disdegnò di sopportare per noi il patibolo; né vogliate preoccuparvi di guadagno o di gloria temporale, ma solo della volontà di quel Dio che ha insegnato a riporre in Lui l’anima a vantaggio dei fratelli: e affidate a Lui le ricchezze che volontariamente o no state per abbandonare a non si sa quale erede. Non è infatti nuovo che quella terra sia percossa dal giudizio divino, ma non è neppure insolito che, dopo essere stata flagellata e castigata, sia toccata dalla misericordia. Dio avrebbe potuto salvarla con un solo atto della Sua volontà: ma non sta a noi chiedere perché non l’abbia fatto…

Ma a quelli che, con cuore contrito e in umiltà di spirito, avranno accettato la prova di questo iter [crociata] e saranno morti facendo penitenza dei loro peccati e nella retta fede, promettiamo l’indulgenza plenaria e la vita eterna. Sia che sopravvivano sia che muoiano, sappiano che saranno esentati dalla pena per la misericordia e per l’autorità degli apostoli Pietro e Paolo e nostra.

I loro beni e le loro famiglie poi, da quando avranno preso la croce, saranno sotto la protezione della Santa Romana Chiesa e dei suoi arcivescovi, vescovi e prelati; e non dovrà esser loro contestata alcuna delle cose che abbiano posseduto senza contrasti all’atto in cui hanno preso la croce, purché non si abbia notizia certa del loro ritorno o della loro morte, ma fino ad allora i loro beni restino intatti e intangibili; né, inoltre, siano obbligati a restituire a nessuno prestiti a usura. Non vadano però [alla crociata] con vesti preziose, cani, uccelli o con altre cose che non sono indispensabili, ma che servono piuttosto all’ostentazione e al piacere; bensì con un modesto apparato e con un abito col quale sembrino far penitenza piuttosto che ostentare inutile gloria.

Dato a Ferrara il quarto giorno dalle calende di novembre [1187], indizione sesta.


       
Insieme a questo scritto, Gregorio VIII inviò altri messaggi ai principi della cristianità in cui si chiedeva una tregua di 7 anni assicurando ai futuri crociati la presenza di tutti i cardinali, in veste da mendicanti e con la croce, in testa agli eserciti. Purtroppo  per lui, Gregorio VIII morì a dicembre, prima di qualunque esito e fu sostituito in due giorni da Clemente III. Intanto Giosia continuava il suo viaggio verso Francia ed Inghilterra mentre il nuovo Papa prendeva contatti con l’Imperatore di Germania, Federico Barbarossa.

                                                                                                                           Dopo vari incontri in diverse località, nel gennaio del 1188, il Re di Francia Filippo II ed il Re d’Inghilterra Enrico II (insieme a Filippo, conte di Fiandra) decisero di mettere insieme un unico esercito (con croci di diverso colore sulle armature) per marciare in Terra Santa. Il denaro occorrente sarebbe venuto da opportune tasse e dalla Decima di Saladino(10), tassa che non dette gli esiti previsti e che, di fatto, rallentò la partenza della crociata che Enrico iniziò a propagandare l’11 febbraio 1188. Ma Enrico morì il 6 luglio 1189 senza poter vedere un qualche esito, tanto si allungarono i tempi per la nuova crociata. Il figlio di Enrico fu incoronato il 3 settembre come Riccardo I d’Inghilterra (che sarà successivamente soprannominato Riccardo Cuor di Leone) e fece della crociata il suo primo e principale impegno. E, tanto per non perdere le sane abitudini, all’elezione si accompagnarono persecuzioni antiebraiche(11) a Londra, Oxford e York, verso cittadini cioè che avevano contribuito alla decima per circa la metà di quanto raccolto.

                                                                                                                                                                                 Dopo aver sistemato alcune questioni urgenti nel regno, Riccardo attribuì a sua madre, Eleonora d’Aquitania, poteri vicereali, conferì l’incarico di cancelliere a Guglielmo di Longchamp, vescovo di Ely(12) , e fu pronto a partire per la Terza Crociata. Vennero presi accordi con Filippo di Francia per partire ma vi fu un ulteriore ritardo per la morte della regina di Francia Isabella di Hainault. Alla fine i due eserciti congiunti furono pronti alla partenza da Vézélay, in Francia, nel mese di luglio del 1190 quando avevano saputo che da tempo l’Imperatore di Germania, Federico Barbarossa era partito per il Levante.

          Ricapitolo allora in breve l’accaduto in altri scenari nei tre anni trascorsi dalla presa di Gerusalemme.

         Tiro e Tripoli erano rimaste in mano dei crociati grazie all’aiuto del Re di Sicilia Guglielmo che però era morto nel novembre del 1189 lasciando il regno a suo figlio Tancredi. Già in settembre però erano arrivate nel mare di Siria due flotte, quella danese e quella fiamminga, quasi contemporaneamente a Giacomo d’Avesnes, definito come il più valoroso cavaliere delle Fiandre.

Federico Barbarossa era stato, con suo zio Corrado, alla Seconda Crociata e non aveva più avuto contatti con la Palestina dove i tedeschi erano una infima minoranza. Inoltre egli era stato in guerra con il Papa per molti anni e nessuno osava chiedere il suo aiuto in Terra Santa. Ora era morto il Papa Urbano III (1187) e Gregorio VIII (e l’immediato successore Clemente III) non desiderava altro che far pace con un Impero così potente, Tiro era restata in mano cristiana grazie all’eroismo di Corrado di Monferrato quando in Italia la casa di Monferrato era tra le sostenitrici della sua politica, suo figlio ed erede al trono Enrico si era sposato con la principessa siciliana Costanza creando un importante vincolo con i normanni … insomma sembrava che fosse giunto il momento per l’anziano Federico (quasi settantenne) di rientrare in gioco proprio in Terra Santa. A Magonza, alla fine di marzo del 1188, egli prese la croce da futuro crociato ed in circa un anno fu pronto a partire, dopo aver affidato la reggenza a suo figlio, il futuro Enrico VI ed aver regolato le questioni pendenti con il suo grande rivale in Germania, Enrico il Leone di Sassonia (che scelse l’esilio presso la corte del suocero, Enrico II d’Inghilterra). Prima della partenza Federico inviò messaggi a tutti i regnanti dei territori che avrebbe attraversato ed anche all’Imperatore di Bisanzio Isacco Angelo ed al sultano selgiuchida Kilij Arslan. Inviò un ambasciatore anche a Saladino chiedendogli di restituire tutti i territori che aveva strappato alla cristianità. Il sovrano d’Ungheria ed il sultano selgiuchida risposero favorevolmente. Isacco Angelo inviò un ambasciatore in Germania per definire le modalità di passaggio. Finalmente, ai primi di maggio del 1189, Federico partì da Ratisbona con il suo secondogenito, Federico di Svevia, e molti dei suoi vassalli. Il suo esercito, come unico corpo di spedizione, era il più grande mai messo insieme per una Crociata ed era quello più armato e più disciplinato.

         La marcia andò bene fino all’ingresso in territorio bizantino, dove iniziarono gravi problemi per l’impreparazione politica e la generale incapacità dell’Imperatore Isacco Angelo. L’intera zona bizantina ed ex bizantina era in subbuglio. Nei Balcani vi erano rivolte contro le tasse troppo elevate; Cipro era in rivolta contro Isacco Comneno; la Cilicia era stata conquistata dagli Armeni; i turchi si espandevano pian piano nei territori bizantini dell’Anatolia centrale e sud occidentale; i normanni attaccavano Macedonia ed Epiro (con l’unica vittoria di Isacco Angelo); la gestione amministrativa era in completa decadenza.  Inoltre, ed è la questione più rilevante, Isacco Angelo aveva fatto un patto con Saladino per cercare di frenare i Turchi selgiuchidi e naturalmente non poteva fornire assistenza a chi andava ad attaccare Saladino. In questo patto aveva certamente avuto influenza per Isacco Angelo il fatto che Saladino avesse ridato i luoghi di culto della Terra Santa ai cristiani greci, gli ortodossi.

La situazione geopolitica dell’area interessata alle crociate nel 1190. In rosso l’Impero di Saladino a cui va aggiunta l’area violacea del Kingdom of Jerusalem (da Wikièedia)

                 Fu l’abilità di Federico ad attenuare i danni. Quando infatti gruppi di ribelli Serbi e Bulgari, colpiti dalla politica impositiva di Isacco Angelo, attaccarono drappelli e soldati isolati dell’esercito in marcia, Federico andò a trattare con i capi ribelli che subito si mostrarono disponibili ad aiutare la marcia. Ma questa notizia arrivata a Bisanzio fece scattare molti sospetti con un seguito di problemi.

                 Federico, anche perché gli ambasciatori di Bisanzio in Germania lo avevano aizzato contro Isacco, vedeva intorno molta ostilità che gli sembrava provenire dall’Imperatore. Per chiarire queste cose occupò la città di Filippopoli e da lì inviò ambasciatori ad Isacco. Isacco imprigionò gli ambasciatori prendendoli come ostaggio per il passaggio dell’esercito tedesco. Federico reagì inviando suo figlio Federico ad occupare un’altra città, Didymotichon, ed inviò un messaggio in patria a suo figlio Enrico perché preparasse una flotta per attaccare Bisanzio e perché ottenesse un’autorizzazione papale ad attaccare i greci dell’Impero bizantino. Queste mosse convinsero Isacco a rilasciare gli ostaggi, a fornire navi per far transitare l’esercito attraverso i Dardanelli, a facilitare il suo passaggio attraverso l’Anatolia, a rifornirlo di viveri. Federico frenò l’ira ed accettò anche se dovette aspettare una stagione più propizia per entrare in Anatolia. Si accampò ad Adrianopoli per qualche mese fino al marzo 1190 quando entrò in Asia con le navi bizantine.

I tragitti seguiti dai vari eserciti nella Terza Crociata. La linea rossa è relativa al tragitto di Federico Barbarossa. Quella blu tratteggiata è il tragitto degli eserciti inglese e francese. Quella blu a tratto continuo è relativa ad alcuni crociati partiti dall’Inghilterra anticipando Re Riccardo (nella loro rotta questi crociati si fermarono a Lisbona per dare una mano alla Reconquista della Spagna.

              La sua marcia lo portò a Laodicea il 27 aprile da dove entrò nel territorio dei Selghiucidi. Il 3 maggio era vicino a Miriocefalo, dove Manuele I Comneno era stato duramente sconfitto nel 1176 da Kilij Arslan.

                Il sultano iniziò a molestare la marcia attaccando le retroguardie, lanciando frecce  e, soprattutto, facendo terra bruciata agli approvvigionamenti. Con le prime perdite, la fame e la sete che si facevano sentire, alcuni piccoli scontri, Federico arrivò ad Iconio (o Konya) il 17 maggio. Il sultano si era ritirato ma Federico dovette affrontare una dura battaglia con suo figlio, Qutb el-Din, per entrare in città. Dopo alcuni giorni di riposo avanzò verso la catena montuosa del Tauro, attraversandola e dirigendosi verso il porto di Seleucia che era in territorio armeno dal quale fu inviato in proposito un messaggio a Saladino. Il 10 giugno 1190 l’esercito di Federico era nella piana di Seleucia apprestandosi a guadare il fiume Calicadno per entrare in città. Federico marciava alla testa dell’esercito sul suo cavallo e a questo punto non si sa precisamente cosa accadde: o una scivolata del cavallo o lo stesso Federico che scese da cavallo per rinfrescarsi cadde o si sentì male per la differenza di temperatura … sta di fatto che Federico cadde in acqua e, trascinato dal peso dell’armatura, affogò.

                                             La morte del riconosciuto condottiero originò differenti reazioni. Saladino che stava radunando un esercito musulmano, lasciò perdere. I franchi subirono un gravissimo colpo per questa opportunità persa. Vari principi che costituivano l’esercito tedesco tornarono indietro, altri si imbarcarono a Seleucia o a Tarso. Il comando passò a Federico di Svevia che proseguì la marcia attraverso la Cilicia con le truppe restanti e con ilo cadavere di Federico Barbarossa conservato in aceto. Quando Federico di Svevia cadde malato le truppe andarono avanti ma furono attaccate con gravi perdite alla Porta di Siria (un passo che attraversa il Monte Amanus). Ad Antiochia, il 21 giugno, arrivò una plebe miserabile raggiunta qualche giorno dopo da Federico.

In basso a destra vi è il passo della Porta di Siria che peremette l’accesso ad Antiochia

                Qui furono ben accolti da Boemondo che li rifocillò abbondantemente. Ed in questa città arrivò anche Corrado di Monferrato proveniente da Tiro per accogliere Federico, del cui padre era cugino. Insieme ripartirono alla fine di agosto portandosi dietro qualche osso del Barbarossa per seppellirlo a Gerusalemme (l’aceto non aveva conservato il cadavere che, putrefatto, fu sepolto ad Antiochia). Così terminò la Terza Crociata tedesca.

ACRI

Riporto un brano che avevo scritto alla fine del penultimo paragrafo e relativo a Saladino che, dopo aver conquistato Gerusalemme, dilagava per tutta la Palestina:

“Saladino non aveva attaccato il Krak dei cavalieri perché troppo ben difeso e Tripoli perché si era avvicinata la flotta siciliana. Ma egli proseguì verso nord occupando e saccheggiando, appunto, l’intera contea di Tripoli, a parte qualche piccola fortezza degli Ordini. Dopo questo forcing, l’esercito di Saladino era stanco e, quando Boemondo di Antiochia chiese una tregua in cambio del riconoscimento delle conquiste fatte, fu concessa volentieri anche perché ormai restavano da conquistare Antiochia, Tiro, Tripoli, il porto di San Simeone e un paio di castelli degli ordini. Questa operazione poteva svolgerla facilmente in qualsiasi momento. Tiro sarebbe stato un grande problema, come vedremo, e la mancata conquista della città a caldo fu un errore di Saladino. Nella città si era riunita tutta la nobiltà sopravvissuta ad Hattin. Il comando era di Rinaldo di Sidone al quale si aggiunse Corrado di Monferrato, giunto via nave. Corrado, che presto prese il comando, era figlio del marchese di Monferrato (Guglielmo V di Monferrato) prigioniero di Saladino(13)”.

                Avevo detto che l’aver risparmiato Tiro, subito dopo la vittoria di Acri nel luglio 1187, fu un grave errore di Saladino. Già abbiamo visto che, i suoi assalti alla città, dopo la conquista di Gerusalemme in ottobre, furono vani perché, nel frattempo era arrivato Corrado che rifiutò di arrendersi e le fortificazioni erano state rinforzate. Inoltre, un tentativo di attaccò via mare della flotta musulmana non ebbe successo con gravi perdite per le navi di Saladino. Abbiamo poi accennato al fatto che a Tiro erano arrivati, nella tarda primavera del 1188, i rinforzi da parte di Guglielmo II di Sicilia che avevano consigliato Saladino a rinunciare all’assedio del Krak dei Cavalieri (luglio 1188) e all’intenzione di marciare su Tripoli.

                Mentre accadeva tutto ciò iniziavano lotte sorde tra i principi ed i re che si trovavano a Tiro, tra cui Guido da Lusignano, l’ex Re di Gerusalemme,  che era stato liberato da Saladino con la promessa che se ne sarebbe tornato in Occidente e mai più avrebbe combattuto contro i musulmani. Guido, che non mantenne la promessa fatta a Saladino perché, disse il vescovo, fatta ad un infedele) ed i suoi sostenitori vedevano in Corrado di Monferrato un intruso ed un potenziale rivale. Per parte sua la moglie di Guido, la regina Sibilla, si era ritirata a Tripoli il cui conte, dopo la morte nel 1187 di Raimondo, era ora Boemondo di Antiochia (il giovane figlio di suo cugino). A Tripoli, i sostenitori di Guido da Lusignano si raccolsero intorno a Sibilla e presto si ricongiunse con loro lo stesso Guido che lasciò Tiro. Da qui marciò con i suoi sostenitori verso Tiro dove chiese il regno della città. Corrado rispose che stava tenendo la città provvisoriamente, in attesa dei Re d’Inghilterra e di Francia: sarebbero stato loro a decidere a chi affidare la contea. Ad aprile 1189 Guido marciò di nuovo da Tripoli verso Tiro con la stessa richiesta. Di fronte al nuovo rifiuto di Corrado si accampò fuori le mura della città. Intanto arrivavano dei rinforzi dall’Occidente. Cinquantadue navi pisane giunsero a Tiro il 6 aprile (e furono in grado di farlo perché il Papa aveva ottenuto una tregua nella guerra infinita con Genova) al comando del vescovo Ubaldo che appena arrivato si trovò a litigare con Corrado non si sa bene per quale motivo. Sta di fatto che i pisani si unirono a Guido, come del resto fecero anche i siciliani presenti a Tiro. Ciò dette a Guido e ad i suoi seguaci la spinta per farli partire alla fine di agosto verso sud, verso Acri, accompagnati dalle navi pisane e siciliane. Era una mossa molto azzardata che derivava dalla necessità di Guido di regnare da qualche parte per potere da lì ricostituire il suo regno. Solo la guarnigione musulmana di Acri doppiava gli uomini di Guido, inoltre l’esercito regolare di Saladino non era distante.              

Per orientarsi, una carta che riporta le varie città della Terra Santa.

                                Guido era partito da Tiro e della cosa fu subito informato Saladino che stava assediando il castello di Beaufort, sulle colline dietro Sidone. All’iniziò pensò che Guido si dirigesse verso di lui per dare una mano agli assediati ma i suoi informatori gli comunicarono che Guido puntava su Acri. Saladino pensò allora che conveniva attaccare Guido sulla scogliera Scala di Tiro (una località a 15 Km a sud di Tiro) ed il promontorio di Naqoura, ma i suoi consiglieri non furono d’accordo e prospettarono un attacco sotto le mura di Acri perché, in questa situazione, i cristiani si sarebbero trovati in una morsa tra la guarnigione di Acri e l’esercito che li attaccava.

La Scala di Tiro in un disegno.

Acri e dintorni nel 1189. Acri si trovava su una piccola penisola, e la città a Sud ed Ovest era protetta dal mare e da una muraglia. A Sud vi era il molo che si spingeva fino ad una grande roccia su cui vi era un forte chiamato Torre delle Mosche. Dietro il molo vi era un porto protetto da tutti i venti tranne che da quelli di terra. A Nord ed a Est la città era difesa da grandi mura che a Nord-Est si univano ad angolo retto con un forte chiamato la Torre Maledetta. Le due porte di terraferma si trovavano alle due estremità del muro. Verso il mare una grande porta si apriva sul porto ed un’altra più oltre. Dentro la città, la guarnigione era rifornitissima di viveri ed acqua.

Antica pianta di Acri                                      

                                       Guido arrivò nelle vicinanze di Acri il 28 agosto 1189 e si accampò sulle colline di Toron, vicino al piccolo fiume Belus. Tre giorni dopo tentò un attacco alla città. Visto l’insuccesso ritornò al campo in attesa di rinforzi. Ed i primi di settembre arrivarono i primi rinforzi: una squadra navale di danesi e frisi (una popolazione che abitava la costa del Mare del Nord comprendente parte dell’attuale Olanda ed una fetta dell’attuale Germania) che servì per bloccare il porto da interventi di flotte nemiche e particolarmente utile a partire da novembre quando la flotta siciliana si ritirò per la morte di Guglielmo di Sicilia. Subito dopo arrivarono navi con truppe fiamminghe e francesi al comando di un valoroso comandante, Giacomo di Avesnes, e del vescovo di Beauvais. Ancora in settembre giunse un gruppo di tedeschi, comandati dal langravio (un titolo tra il conte ed il duca) di Turingia, Luigi, che era venuto via mare piuttosto che con Barbarossa. Vi era poi un gruppo di italiani comandato dall’arcivescovo di Ravenna, Gerardo, e dal vescovo di Verona.

Saladino iniziò a preoccuparsi e a rimettere insieme il suo esercito. Lasciò un piccolo distaccamento a Beaufort per completare la conquista ed il 15 settembre tentò un attacco al campo cristiano che fu respinto. Anch’egli, nell’attesa di rinforzi, si accampò un poco più ad oriente di Guido. Con i rinforzi arrivati i cristiani furono in grado di prendere l’iniziativa anche perché, Luigi di Turingia, passando per Tiro, aveva convinto Corrado di Monferrato ad unirsi al resto delle forze (con la condizione di non essere agli ordini di Guido). Il 4 ottobre, dopo aver fortificato il loro campo ed averlo lasciato agli ordini del fratello di Guido, Goffredo, i cristiani attaccarono il campo di Saladino. Vi furono dei malintesi tra le truppe guidate da Saladino e quelle comandate da suo nipote Taki che crearono scompiglio tra le fila musulmane con conseguente fuga disordinata dell’ala destra e del centro dello schieramento attraverso Nazaret fino a Tiberiade. I cristiani fecero per inseguire i fuggiaschi ma Saldino, con l’ala sinistra del suo esercito, restata intatta, inseguì a sua volta i cristiani creando scompiglio e fuga tra le truppe cristiane che cercarono scampo verso il loro accampamento. Questo era stato attaccato dalla guarnigione musulmana di Acri ma Goffredo aveva resistito con successo. Finalmente gli altri riuscirono a rientrare nel campo fortificato dove Saladino non arrischiò un attacco. Comunque in questa battaglia vi furono notevoli perdite tra i cristiani tra cui Andrea di Brienne ed il Gran Maestro Templare, Gerardo di Ridfort, il cattivo consigliere di Guido in occasione della disfatta cristiana ad Hattin, insieme a molti Templari. Corrado invece scampò alla morte per l’aiuto cavalleresco del suo nemico Guido. Avevano vinto i musulmani ma con una vittoria incompleta. Intanto arrivavano altri rinforzi. In novembre era arrivata quella flotta inglese che si era fermata a Lisbona per combattere contro i musulmani di Spagna. Poi molti altri crociati di svariati Paesi occidentali, anche di quelli come Francia ed Inghilterra i cui Re stavano trasferendo i loro eserciti in Terra Santa, che ritenevano troppo lenta la marcia dei loro sovrani. Con queste forze i cristiani riuscirono a creare il blocco via terra di Acri. Ma anche Saladino stava ricevendo rinforzi, anche perché era venuto a conoscenza dell’imponente esercito di Federico Barbarossa partito da Magonza a maggio 1189 e proprio per questo aveva convocato con i loro eserciti tutti i suoi vassalli, e chiesto aiuto a terre musulmane molto lontane, come il Marocco ed il Sud della Spagna che non collaborarono. Comunque, i rinforzi arrivati a Saladino gli permisero di assediare il campo cristiano che, a sua volta, assediava Acri. Poiché il cibo e le munizioni iniziavano a scarseggiare in città, il 31 ottobre una flotta musulmana di 50 navi forzò il blocco navale cristiano, a questa flotta se ne aggiunse un’altra egiziana il 26 dicembre ed insieme riuscirono a mantenere aperta, almeno per un poco di tempo, la via del porto.

L’inverno passò in un modo strano con i soldati dei due eserciti che fraternizzarono, si scambiavano doni e facevano feste insieme. Intanto Corrado aveva patteggiato con Guido la suddivisione futura del territorio: a Corrado sarebbe andato il governo di Tiro, Beirut e Sidone mentre Guido sarebbe stato riconosciuto come Re. Dopo questo accordo, in marzo, se ne era tornato a Tiro da dove tornò ad Acri con navi cariche di viveri ed armi. Poi, il 19 maggio, vi fu una battaglia che durò otto giorni senza vincitori ma con le provviste che già da tempo scarseggiavano sia nel campo cristiano sia ad Acri. Il 25 luglio vi fu un’altra battaglia di parte del contingente cristiano che fu duramente sconfitto con molte perdite. E per fortuna o quasi (perché ogni persona in più era una bocca in più da sfamare), arrivavano altri crociati, questa volta molti nobili di Francia e di Borgogna capitanati da Enrico di Troyes, Conte di Champagne e nipote dei Re d’Inghilterra e di Francia, poiché aveva per madre la sorellastra di tali Re. Visto il suo alto lignaggio gli fu dato il comando delle truppe cristiane fino allora avuto da Giacomo d’Avesnes e dal langravio di Turingia (che poiché era malato forse di malaria se ne tornò in Germania). Ad ottobre arrivò Federico di Svevia con i resti dell’esercito di Barbarossa e poco dopo arrivò un contingente inglese capeggiato da quel guerrafondaio dell’arcivescovo di Canterbury, Baldovino. Per tutta l’estate 1189 vi erano stati combattimenti sporadici e momenti di fraternizzazione perché ambedue gli eserciti attendevano rinforzi. Gli uomini di Saladino avevano conquistato la rocca di Beaufort e quindi si erano liberati ma altri uomini di Saladino erano stati inviati a Nord per controllare i movimenti di Barbarossa. Ogni tanto vi era qualche sortita dal campo cristiano assediante per trovare cibo ma esso non era mai sufficiente tanto che la fame e le malattie regnavano. In autunno la stessa regina di Gerusalemme, Sibilla, e le sue due figlie avute con Guido morirono di malattia. Subito si pose un grave problema, la legittimità al trono di Guido, trono che aveva avuto in quanto aveva sposato Sibilla. Ora l’unica erede legittima era la sorella di Sibilla, Isabella, e Guido stava per decadere.

Fu Baldovino di Ibelin che iniziò l’intricata pratica della destituzione di Guido. Intanto il prescelto alla successione come Re era Corrado di Monferrato, quel valoroso combattente di mezza età che abbiamo conosciuto. Vi erano delle difficoltà dovute al fatto che Corrado sembrava avesse già due mogli, una in Italia ed una a Bisanzio ma si pensò che non sarebbero mai state un problema vista la loro lontananza. Ma anche Isabella era sposata con Honfroi de Toron un giovane affascinate, colto ma troppo effeminato che Isabella amava per la sua grazia e gentilezza. Interpellato Honfroi non pose problemi a far annullare il matrimonio ma ora occorreva convincere Isabella. Il patriarca Eraclio si disse vecchio e malato (per la prima volta non sembra stesse passando il tempo con una baldracca) e lasciò il compito all’Arcivescovo di Canterbury che però sapeva che il suo Re, Riccardo, era molto legato alla famiglia Lusignano e quindi non volle far nulla perché Corrado aveva due mogli. La palla passò all’arcivescovo di Pisa che era il rappresentante del Papa. Costui si fece convincere in cambio di concessioni commerciali alla sua città. Incaricò il vescovo di Beauvais, cugino di Re Filippo, di annullare il matrimonio. I motivi per l’annullamento furono: Isabella era stata fatta sposare ad otto anni e forzata da quel malvagio dello zio Baldovino IV; inoltre quell’Honfroi era effeminato … Continuava però Isabella a non volere l’annullamento del suo matrimonio e qui intervenne la madre, Maria Comnena, che la obbligò. Il matrimonio fu infine celebrato da vescovo di Beauvais il 24 novembre 1190.  Gli sposi si stabilirono a Tiro ed un anno dopo nacque Maria, la loro erede. Naturalmente i Lusignano fecero fuoco e fiamme sostenuti da Baldovino che minacciò scomuniche a destra e a manca. Ma il poveretto morì il 19 novembre, 5 giorni prima del matrimonio. Corrado aspettava di essere incoronato per rivendicare tutti i suoi diritti e Guido non avrebbe demorso fino a quella incoronazione.

Intanto la fame e le malattie mietevano vittime nel campo cristiano. Tra i vari morti, tra i nobili, vi fu anche Federico di Svevia. In questa situazione vi furono solo scaramucce con Saladino che era sistemato meglio ma aveva da tener conto della stanchezza dei suoi soldati. Questa situazione durò fino a marzo 1191 quando arrivò una nave carica di grano. Da quel momento, con il tempo che si faceva più clemente, altre navi iniziarono ad arrivare per alleviare quello strazio. Le navi portarono anche la notizia degli eserciti francese ed inglese in navigazione già in mari orientali.

ARRIVANO GLI ESERCITI DI RICCARDO E FILIPPO

               I due Re, Filippo e Riccardo erano partiti insieme il 4 luglio 1190 da Vézélay. Prima di Riccardo era partita la sua flotta che doveva circumnavigare la Penisola Iberica per raggiungerlo a Marsiglia dove sarebbe stato imbarcato con il grosso delle sue forze di terra. Filippo aveva un esercito più piccolo perché già molti francesi erano partiti per la Terra Santa. Da Vézélay i due eserciti, precedeva quello francese, arrivarono a Lione e quindi attraversarono il Rodano. Passato l’esercito francese, il ponte crollò sotto il peso delle truppe inglesi con molte perdite di vite. Da Lione i due eserciti si separarono: quello di Filippo si diresse a Nizza per poi proseguire fino a Genova per l’imbarco su alcune navi in attesa. Riccardo si diresse a Marsiglia dove la flotta lo raggiunse il 22 agosto 1190. Da Marsiglia alcuni inglesi si diressero direttamente in Palestina, agli ordini del vescovo Baldovino di Canterbury, il grosso invece si diresse a Messina dove era previsto l’incontro con la flotta francese come accordato in precedenza quando era ancora in vita il Re Guglielmo II di Sicilia, morto come già detto, nel novembre 1189. Guglielmo era il marito della sorella di Riccardo, Giovanna d’Inghilterra, e dal matrimonio non erano nati figli. L’erede al trono era quindi la zia di Guglielmo, Costanza, che aveva sposato il figlio di Federico Barbarossa, Enrico di Hohenstaufen. Ma l’Italia era vigilata strettamente da Papa Clemente III che non vedeva di buon occhio un Re tedesco in Sicilia ed organizzò un losco intrigo che portò al trono il cugino bastardo di Guglielmo, Tancredi, conte di Lecce e sommamente incapace. Una rivolta di musulmani in Sicilia ed una invasione tedesca in continente, gli fece richiamare, come accennato, la flotta dalla Terra Santa. Così Tancredi si trovò pronto ad accogliere i Re in arrivo, a fornirgli vettovagliamento, ma non in grado di accompagnarli in Terra Santa.

       Filippo si era imbarcato a Genova a fine agosto ed era arrivato a Messina il 14 settembre. Riccardo invece viaggiò via terra lungo l’Italia accompagnato da una scorta: Genova, Pisa, Ostia, Salerno. Qui arrivato si fermò fino a quando non venne a sapere che la sua flotta con il suo esercito era arrivata a Messina. Si mise allora in marcia con un solo scudiero. In Calabria, a Mileto, rubò un falco ad un contadino e poco ci mancò che fosse ammazzato. Mentre attraversava l’Italia, Riccardo venne a sapere alcune cose su Tancredi ed in particolare che si era appropriato dell’eredità e dei beni della sorella Giovanna che aveva confinato. Arrivato sulle coste calabresi che si affacciano su Messina, una nave lo imbarcò per sbarcarlo a Messina il 3 settembre. Riccardo chiese subito a Tancredi di ridare ciò che le spettava alla sorella e di lasciarla libera. Tancredi, intimorito, liberò Gi0ovanna ed intavolò trattative per la restituzione dei beni, ma Riccardo era ancora infuriato. Occupò militarmente un’isola vicino Messina per insediarvi il suo esercito ed il villaggio di Bagnara sulla costa calabrese per darlo come sede alla sorella. Ciò fece irritare la popolazione siciliana che si ribellò agli inglesi insultando Riccardo (3 ottobre 1190). Questi reagì con violenza distruggendo e saccheggiando la città (con l’esclusione dei palazzi destinati a Filippo) ed incendiando la flotta siciliana in porto. Annunziò poi che se le ostilità contro gli inglesi fossero continuate, egli avrebbe occupato l’intera provincia. Filippo inviò a Tancredi, che si trovava a Catania, un messaggio in cui lo avvertiva delle intenzioni di Riccardo offrendogli aiuto nel caso fosse servito. Qui Tancredi fece il calcolo seguente. Per la questione della successione egli si aspettava un attacco da parte  di Enrico di Hohenstaufen. Costui era in buoni rapporti con Filippo, Re di Francia, mentre era in rotta con Riccardo, Re d’Inghilterra. Quindi Tancredi rifiutò un’alleanza con Filippo per farla con Riccardo sperando in un suo aiuto in caso di attacco di Enrico di Hohenstaufen. L’accordo prevedeva la restituzione di una ingente quantità di denaro a Riccardo medesimo ed una uguale a Giovanna. Inoltre l’erede di Riccardo, il duca Arturo di Bretagna, si sarebbe fidanzato con una delle figlie di Tancredi. Quest’ultimo fece anche di più: raccontò a Riccardo quanto gli era stato proposto da Filippo. Dopodiché il semplice accordo con Tancredi fu trasformato in un trattato a cui fu chiamato il Papa come garante. Fu fatta la pace e, su consiglio del vescovo di Rouen, Riccardo restituì ai messinesi il maltolto nei saccheggi.

       A questo punto si aprirono molte discussioni con Filippo (8 ottobre). Dapprima venne siglato un accordo sui comportamenti che i soldati, i nobili ed i chierici degli eserciti avrebbero dovuto tenere; quindi si decise che ogni terra conquistata sarebbe stata divisa in due; infine si discusse di una vicenda che si trascinava da anni e riguardante Alice, sorella di Filippo. Costei, anni prima, era stata inviata ancora bambina alla corte di Enrico II d’Inghilterra perché sposasse Riccardo o un altro dei figli di Enrico. Ma girarono voci di Enrico in rapporti intimi con Alice e quindi la giovane acquistò una fama che non la rendeva più appetibile come sposa. Dopo la morte di Enrico, Riccardo non volle saperne di sposare Alice e la madre Eleonora era d’accordo con lui proponendogli in sposa la principessa Berengaria di Navarra. Nel tavolo di trattativa, Filippo risollevò il problema, più volte riproposto in passato, di sua sorella Alice. Tra l’altro il povero Filippo aveva già avuto una brutta esperienza con sua sorella Agnese vedova di Alessio II di Bisanzio. Riccardo rispose che non avrebbe sposato una ragazza di così cattiva fama. Filippo si offese e partì subito (metà ottobre) per la Terra Santa, salvo tornare in porto per una violenta tempesta che gli consigliò di partire dopo l’inverno. Riccardo firmò il trattato con Tancredi intorno all’11 novembre ed inviò un messaggio a sua madre chiedendogli di far venire Berengaria in Sicilia.

Dopo un inverno passato tranquillamente, Filippo salpò da Messina il 30 marzo 1191 ed arrivò a Tiro dove fu ricevuto da suo cugino Corrado. Insieme poi marciarono verso Acri dove giunsero il 20 aprile. Appena partito Filippo arrivò in città Eleonora che accompagnava Berengaria. Dopo aver salutato il figlio Riccardo e lasciato Berengaria alle cure di Giovanna, Eleonora ripartì subito per l’Inghilterra, passando per Roma dove aveva affari da svolgere alla corte papale. Riccardo, salutata la madre, partì finalmente per la Terra Santa il 10 aprile, stesso giorno in cui Papa Clemente III moriva a Roma (quattro giorni dopo veniva eletto Papa Celestino III che subito incoronò Enrico di Hohenstaufen e Costanza di Sicilia come Imperatore ed Imperatrice, come gli era stato promesso in caso di partecipazione degli Hohenstaufen alla crociata)(14). Il viaggio di Riccardo non fu fortunato come quello di Filippo. Forti venti dispersero le navi, una delle quali fu persa ed altre tre, compresa quella con Berengaria e Giovanna, furono spinte verso Cipro (due navi naufragarono mentre quella con le due nobildonne si salvò nel porto di Limassol). Re Riccardo fu sbattuto in un porto di Creta da dove dopo riuscì ad arrivare a Rodi. Qui si fermò qualche giorno ripartendo il 1° maggio  A Cipro, dove erano arrivate le altre tre navi, regnava il crudele e dalle alleanze variabili (tra le quali quella con Saladino) Isacco Comneno che si era rivoltato contro Bisanzio. Quando seppe di una flotta al largo dell’isola si allarmò e reagì da sciocco qual era. Fece arrestare tutti i naufraghi sequestrando tutti i beni che si erano salvati dal naufragio poi inviò un messaggio alla nave dove era Giovanna per chiederle di sbarcare. Giovanna, che sapeva di poter essere presa come ostaggio, disse che non lo avrebbe potuto fare senza il permesso del fratello Riccardo ed alla sua richiesta di acqua, Isacco rispose negativamente. L’8 maggio arrivò nei pressi di Cipro l’intera flotta di Riccardo che, saputo quale trattamento avevano avuto sorella e fidanzata giurò vendetta. Sbarcò a Limassol e marciò sulla città di Colossi. Isacco non oppose resistenza e scappò nel villaggio di Kilani alle pendici del monte Troodos. Riccardo ebbe il benvenuto dalla popolazione, sia greca che latina, che aveva in odio l’usurpatore ed avventuriero Isacco. Iniziarono trattative ed Isacco, che con un salvacondotto si era recato a Colossi l’11 maggio, si impegnò a pagare in denaro tutti i danni provocati con il saccheggio delle navi, acconsentì a vendere provviste a prezzi molto ribassati, pagò il pegno di inviare 100 uomini alla crociata e dette sua figlia come ostaggio a Riccardo. Di ritorno da Colossi, Isacco credette di aver capito che gli inglesi non erano poi così forti e fece una sciocchezza: denunciò l’accordo ordinando a Riccardo di andarsene da Cipro.  Proprio in questo frangente, informati dell’arrivo a Cipro di Riccardo, era in arrivo a Limassol la flotta di tutti gli eserciti crociati con tutti i nobili contrari a Corrado (Guido da Lusignano, suo fratello Goffredo, Boemondo di Antiochia, suo figlio Raimondo, Honfroi di Toron, molti templari, …). Questa flotta era venuta per chiedere a Riccardo di schierarsi dalla loro parte, visto che Filippo di Francia si era schierato con suo cugino Corrado. Riccardo si convinse che con i nuovi arrivati sarebbe stato possibile conquistare l’isola e la cosa sarebbe servita per difendere l’intera costa siriana visto il pericolo che quei porti fossero utilizzati da Saladino. Ma i crociati hanno tempi lunghi e negli intervalli si fanno gli affari propri. Il 12 maggio, in una chiesa di Limassol, Riccardo sposò Berengaria che venne incoronata regina d’Inghilterra. Isacco capì il grave pericolo e si rifugiò a Famagosta.

       Le truppe di terra di Riccardo andarono per catturare Isacco il quale, ancora una volta, scappò da Famagosta a Lefkosia (l’attuale Nicosia). Finalmente le truppe di Isacco si scontrarono con quelle di Riccardo e furono duramente sconfitte. Isacco scappò mentre Riccardo entrò a Lefkosia senza incontrare resistenza. Intanto arrivavano dalla Palestina degli inviati di Filippo che sollecitavano il suo arrivo. Ma Riccardo volle completare la conquista dell’Isola che avvenne con l’aiuto di Guido da Lusignano alla fine di maggio, con Isacco in catene. Il bottino fu immenso aumentato considerevolmente con tasse enormi (il 50% del patrimonio) imposte a tutti i greci dell’isola. Nessun potere fu lasciato agli isolani neanche quello di mantenere la barba, tutto andò in mano gli inglesi. Questa conquista, da una parte era una sorta di protezione per gli stati crociati ma dall’altra era un campanello d’allarme per i greci dell’Asia Minore. Se i crociati, infatti, occupavano una terra a tradizione greca e di religione ortodossa, non avrebbero in futuro pensato ad occupare anche Bisanzio ?

       Il 5 giugno Riccardo salpò da Famagosta con Isacco suo prigioniero e con la figlioletta affidata a Giovanna perché la educasse al modo occidentale. Il 6 giugno arrivò a Tiro ma gli fu impedito di sbarcare dalla guarnigione che ubbidiva agli ordini di Corrado e Filippo. Proseguì allora per mare verso Acri arrivando al campo crociato l’8 giugno. Lì vi erano molte macchine d’assedio (il lanciatore di sassi chiamato Mal Vicino, dei carri coperti che permettevano agli occupanti di avvicinarsi alle mura nemiche al riparo dal fuoco nemico detti Gatti, la catapulta detta Vera Fionda di Dio, Torri) fatte costruire anche da Filippo ma non vi era un coordinamento, un capo che dirigesse le operazioni. Riccardo, prima di fare una qualunque azione cercò di incontrare Saladino per veder se fosse possibile una qualche trattativa ma, proprio nel giorno previsto per l’incontro, sia Filippo che egli stesso si ammalarono di una malattia che i franchi chiamavano arnaldia (cadevano capelli ed unghie). Filippo si riprese subito ma Riccardo restò ammalato per vari giorni dirigendo però la sistemazione delle macchine d’assedio e delle torri intorno alle mura di Acri.

       Saladino, per parte sua, ricevette i rinforzi alla fine di giugno. Il 25 arrivarono rinforzi dalla regione di Sinjar (in Mesopotamia, tra il Tigri e l’Eufrate), subito dopo arrivarono gli eserciti egiziano e quello del signore di Mosul. Agli inizi di luglio arrivarono i signori di Shaizar e di Hama. Nonostante questi rinforzi, il campo cristiano era così fortificato che Saladino non azzardò un attacco. E quindi la battaglia si riduceva agli attacchi crociati con catapulte alle mura di Acri. Quando questi attacchi producevano qualche falla dove entrare, immediatamente vi era un attacco di Saladino che costringeva i crociati a difendersi le spalle. Il vero cambiamento fu con le flotte. L’accesso alla città via mare era bloccato e ciò la stava affamando ed assetando oltre a far mancare materiale bellico.

Nel campo cristino, con malattie che continuavano, le dispute erano infinite e riguardavano, oltre alla successione di Eraclio morto in quei giorni, la questione della legittimità reale: vi erano quelli schierati con Guido (Riccardo ed i pisani) e quelli schierati con Riccardo (Filippo ed i genovesi). Un altro elemento che divise i due Re nacque il 10 giugno per la morte, senza eredi diretti, di Filippo, Conte di Fiandra. Filippo aveva qualche rivendicazione su quel territorio strategico mentre Riccardo no. E, quando Filippo chiese a Riccardo di rispettare i patti di Messina con la cessione di metà dell’isola di Cipro, Riccardo rispose che voleva la metà delle Fiandre. La vicenda non ebbe seguito e ciascuno rimase con le sue conquiste.

       Dal punto di vista delle ostilità, vi erano di tanto in tanto degli scontri che però non avevano l’esito previsto. Invece la guarnigione che difendeva Acri aveva deciso di arrendersi inviando messaggeri al campo crociato. Riccardo rifiutò la resa proprio lo stesso giorno in cui suoi messaggeri si erano recati da Saladino per comprare frutta e neve  e far capire che vi era interesse ad aprire trattative di pace. Gli assediati tentarono un’ultima battaglia l’11 luglio per poi cercare di trattare la resa il 12. La resa sarebbe stata accettata se gli assediati si fossero sottomessi alle dure condizioni imposte da Riccardo: la resa avrebbe dato ai crociati il possesso della città e di tutti i beni contenuti in essa comprese le navi; doveva essere pagato una forte somma in monete d’oro pagata in parte ai franchi, in parte a Corrado; dovevano essere liberati 1500 prigionieri cristiani e tra essi dovevano esservi almeno 100 persone di rango indicate singolarmente; la restituzione della Vera Croce. A nuoto, un assediato portò a Saladino notizia delle richieste. Doveva essere infatti Saladino a decidere l’eventuale resa e quindi a soddisfare le richieste. Saladino non pensò minimamente di accettare queste condizioni capestro ma, mentre preparava il messaggio che vietava la resa agli assediati, vide sventolare le bandiere crociate sulle mura di Acri. I suoi generali avevano firmato la resa in suo nome e, da uomo d’onore qual era, Saladino la accettò (22 luglio). In attesa degli ambasciatori franchi, Saladino spostò il suo campo più indietro, a Shafr’Amr, sulla strada di Seforia. Gli assediati uscirono da Acri ed entrarono i franchi guidati da Corrado ed i Re, tutti con le loro bandiere. I Re si sistemarono in dimore importanti e non vi fu da discutere. Invece liti indegne vi furono per altre assegnazioni di dimore (ad esempio il duca Leopoldo d’Austria credeva di avere la stessa dignità dei Re ed issò la sua bandiera a fianco a quella d’Inghilterra. Gli inglesi la tolsero subito e la gettarono nel fossato. Leopoldo si offese a morte e ritornò in Occidente).

Dopo la sistemazione della città con la riconsacrazione delle chiese, sotto la presidenza del legato papale, Adelardo di Verona, si decise la questione del chi aveva diritto ad essere Re. Si convenne che Guido sarebbe stato Re vita natural durante, dopo di che la corona sarebbe passata a Corrado ed Isabella ed ai discendenti. Nel frattempo Corrado sarebbe stato signore di Tiro, Beirut e Sidone dividendo con Guido le rendite reali. Dopo che fu sistemata questa vicenda, Filippo decise di tornarsene a casa lasciando in Terra Santa il duca di borgogna e gran parte del suo esercito. Riccardo temette che Filippo attaccasse sue terre tornato in Francia e chiese a Filippo di restare almeno per tre anni insieme a lui. Non ci fu nulla da fare, Filippo se ne andò da Acri verso Tiro il 30 luglio, in compagnia di Corrado. Tre giorni dopo Filippo salpava da Tiro verso Brindisi.

Come detto, Saladino aveva accettato la resa dei suoi dentro Acri. Con Riccardo si addivenne ad un accordo, al pagamento cioè di quanto dovuto in tre rate mensili. La prima rata era stata fissata per l’11 agosto ed emissari di Saladino si diressero al campo cristiano con il denaro ed alcuni prigionieri. I cristiani gli dissero che i soldi andavano bene ma non vi erano tra i prigionieri liberati i 100 personaggi importanti che erano stati indicati, quindi non sarebbero stati liberati gli assediati di Acri. Probabilmente Saladino voleva scaglionarli per evitare una qualche trappola da parte cristiana e contropropose di lasciare liberi non tutti quelli che lo dovevano essere ma solo una parte, mantenendo gli altri come ostaggi. I cristiani respinsero l’idea. La trattativa si fermò lì con Saladino che avrebbe dato quanto detto ma con almeno alcuni dei suoi liberati. Riccardo, forse avendo fretta di andare verso Gerusalemme e considerando di grave impaccio i prigionieri saraceni, il giorno 20, una settimana dopo il ritorno dei suoi emissari da Saladino, dichiarò che Saladino non aveva mantenuto i patti ed ordinò il massacro di 2700 sopravvissuti della guarnigione di Acri. I cristiani al seguito di Riccardo, quello che chiamarono indegnamente Cuor di Leone, si dedicarono con passione allo scannatoio ringraziando Iddio che gli dava questa stupenda occasione. La strage non risparmiò donne e bambini. Si salvarono solo alcuni notabili ed uomini robusti tanto da essere usati come schiavi. Dalle colline circostanti i musulmani osservarono con raccapriccio ciò che accadeva e si scagliarono addosso ai cristiani del campo non riuscendo però a passare. Finita l’orrenda cristiana carneficina gli inglesi dettero il permesso ad amici e parenti di andare a riconoscere e seppellire i loro cari, dopo averli trovati frugando tra montagne di corpi martirizzati.

Il 22 agosto l’esercito cristiano uscì da Acri guidato da Riccardo. Alla retroguardia vi erano i francesi guidati dal duca di Borgogna, mentre molti nobili indigeni (tra cui Corrado) non si accodarono. Runciman racconta di soldati che partivano di malavoglia perché dovevano lasciare un luogo dove avevano mangiato abbondantemente in compagnia di donne dissolute mentre ora partivano con le sole lavandaie al seguito.

Saladino continuava a Shafr’Amr che si trovava sulla strada di Gerusalemme passante per Nazaret e da lì controllava sia la via per Damasco, sia quella per Tiberiade. Ma Riccardo fece il cammino costiero, protetto sul lato destro dalla flotta, con Saladino che lo seguiva per una via parallela più interna fino ad accamparsi sulle falde del Monte Carmelo a Tel-Caymon da dove iniziò a studiare il luogo per capire dove era meglio attaccare. Riccardo, con una marcia lenta, oltrepassò Haifa, che Saladino aveva fatto sgomberare di ogni cosa poco prima della caduta di Acri, ed i contrafforti del Monte Carmelo. Gli uomini di Saladino erano attenti ad ogni sbandato (meno le donne) che veniva catturato per essere poi trucidato da Saladino. Riccardo, superato il Carmelo, arrivò in una località vicina a Cesarea dove si accampò. Il giorno 30, quando Riccardo si avvicinava alla città, i due eserciti vennero a trovarsi più vicini e da questo momento, ogni giorno, si ebbero durissimi combattimenti. Inoltre, i soldati crociati erano carichi di armature e sotto quel sole soffrivano quando, come accadde a molti, non morivano di insolazione. Si consolavano marciando e pregando ad alta voce il Sanctum Sepulchrum Adjuva (Aiutaci o Santo Sepolcro!). Ma ormai Saladino aveva scelto il luogo dove dare battaglia, in una pianura a Nord di Arsuf che era protetta da ambo i lati da boschi,  con un folto sottobosco adatto ad impedire il transito delle cavallerie e fanterie avversarie, onde evitare aggiramenti delle sue linee. Riccardo che si era accorto delle manovre dell’esercito di Saladino, il 5 settembre chiese di parlamentare. All’incontro andò Riccardo ed il fratello, al-Adil, del sultano. Riccardo chiese la cessione di tutta la Palestina, al-Adil girò il cavallo e se ne andò. Il 7 settembre di fronte all’esercito musulmano che si preparava ad attaccare, Riccardo fece schierare i suoi uomini, lasciando i carri di vettovagliamento e bagagli vicini al mare custoditi da Enrico di Champagne ed alcuni fanti. A mezza mattina i saraceni, con armi leggere, attaccarono creando scompiglio nella prima fila di arcieri ma non potendo nulla contro la retrostante cavalleria con uomini dalle pesanti armature. Quando la cavalleria cristiana si gettò su di loro, i saraceni si aprirono e la lasciarono passare. A questo punto, dal bosco venne fuori la cavalleria turca con soldati armati di sciabole ed asce. La cavalleria cristiana rientrò e gli arcieri ricomposero la prima fila. La speranza di Saladino era quella di aggirare l’esercito crociato sul fianco sinistro dove  vi erano gli Ospitalieri. I comandanti e soldati cristiani volevano attaccare ma Riccardo li fermò aspettando che tutto il suo esercito fosse in posizione, che i cavalieri turchi mostrassero qualche segno di stanchezza e che l’esercito di Saladino fosse più vicino. Visto che Riccardo non ascoltava, il maresciallo dell’Ordine degli Ospitalieri e Baldovino Carew presero l’iniziativa e con i loro uomini andarono all’attacco creando scompiglio tra il resto della cavalleria crociata che credette fosse stato dato l’ordine da Riccardo. Inoltre, la carica spontanea solo per miracolo non travolse anche gli arcieri inglesi della  prima fila. Di fronte al fatto compiuto Riccardo si gettò nella mischia tentando e riuscendo a prendere il comando coordinando ciò che poteva. L’operazione fu coronata da successo ed i musulmani si dispersero dandosi alla fuga. Saladino, che osservava dall’altro della collina, raccolse i suoi soldati dispersi per difendere il campo. La battaglia di Arsuf, anche se non fu decisiva, fu importante per il morale crociato. Anche le perdite furono poche (da ambo i fronti) tra di esse vi era il valoroso comandante Giacomo d’Avesnes.

L’esercito cristiano, a sera, riprese la marcia verso Sud. Saladino aveva raccolto tutti i suoi e non smetteva di seguire e/o anticipare l’esercito cristiano. Arrivato a Ramleh, sulla strada di Gerusalemme, si fermò ad aspettare la prossima mossa di Riccardo. Per parte sua Riccardo avanzò sempre lungo la linea costiera fino a Giaffa e si occupò subito di ricostruirne le fortificazioni. Sua preoccupazione era sempre quella di avere la flotta come sostegno soprattutto per il continuo rifornimento di viveri ed armi. Gerusalemme era ll’interno ed aveva paura di addentrarsi senza avere almeno una base, un porto per la flotta. Molti storici affermano che se Riccardo avesse forzato la marcia su Gerusalemme l’avrebbe potuta prendere perché protetta da una piccola guarnigione e con le fortificazioni danneggiate. Sta di fatto che mentre Riccardo lavorava su Giaffa, Saladino arrivò a Gerusalemme, riparò e rafforzò le sue fortificazioni. Poi con il timore che Riccardo avesse di mira Ascalona, il porto che lo legava all’Egitto da dove gli provenivano rifornimenti ed uomini, inviò parte del suo esercito in questa città per demolirla. Intanto i cristiani iniziarono a star bene a Giaffa: ben alimentati di cibo e di donne trasportate in nave da Acri. Ciò rese indolenti i soldati. Per altri motivi Riccardo iniziava a preoccuparsi. A Nord il partito di Corrado aumentava i suoi adepti; le cose a Cipro non andavano bene; in Francia il Re Filippo manovrava ai suoi danni. Uno dei problemi se lo tolse di torno perché vendette l’isola di Cipro ai Templari. Per il resto divenne ansioso di trattare con Saladino.

Trattative iniziarono tra Riccardo e Saladino ma anche tra Corrado (arrivato all’insaputa di Riccardo) e Saladino. Si discusse di scambi di terre, sovranità ed anche, cosa oscena agli occhi dei cristiani, di organizzare un matrimonio tra la regina Giovanna di Sicilia (sorella di Riccardo o in subordine sua nipote, Eleonora di Bretagna) ed il fratello di Saladino al-Adil. Tutte queste trattative richiesero molto tempo e si arrivò al 28 dicembre quando Riccardo, sotto la pioggia e tutto il cammino diventato un pantano, riprese la marcia verso Gerusalemme. Lungo la strada coloro che conoscevano la situazione locale, i Templari, gli Ospitalieri ed i baroni nati da quelle parti, parlarono con Riccardo dissuadendolo dall’attaccare Gerusalemme. Spiegarono che una flotta egiziana era arrivata con soldati freschi e che questi sarebbero serviti per un attacco alle spalle dei cristiani durante l’assedio delle città. Ma anche se si fosse conquistata Gerusalemme cosa sarebbe accaduto poi ? Riccardo e le sue truppe se ne sarebbero andati e in loco non vi erano forze in grado di mantenere il possesso della città. Riccardo si convinse e tornò indietro. Le truppe risultarono demoralizzate e si ritirarono in disordine o verso Giaffa o verso Acri. Riccardo ssi ritirò a Ramleh da dove raccolse tutti i suoi uomini e li condusse verso Ascalona per rendere di nuovo fortificata ed agibile la città. Questa operazione richiese 4 mesi. Saladino non attaccava perché aspettava rinforzi da Mosul e Jezireh. In campo cristiano le divisioni erano addirittura cresciute con scontri anche armati ad Acri tra pisani e genovesi, con Corrado da Tiro che rifiutava di dare sostegno a Riccardo, con le solite invidie e rivalità interne. Tutto ciò convinse Riccardo che la pace con Saladino sarebbe stata auspicabile. Ripresero i contatti (mentre quelli con Corrado non erano mai stati interrotti) e, finalmente, al-Adil portò a Riccardo l’ultima proposta. I cristiani potevano mantenere tutto ciò che avevano conquistato; potevano liberamente andare in pellegrinaggio a Gerusalemme; nella città sarebbero stati riammessi alcuni preti latini; la Vera Croce sarebbe stata restituita; se avessero disarmato Beirut potevano tenersela. Su questa base, intorno ai primi di aprile 1192, si sarebbe potuto trovare un accordo. E questo accordo diventava assolutamente necessario a Riccardo perché arrivò dall’Inghilterra il priore di Hereford a riferirgli che il fratello Giovanni lasciato come reggente in patria, stava usurpando sempre più il suo potere. Doveva partire ma prima doveva risolvere la questione del Re dei territori cristiani. Convocò tutti i nobili e baroni prospettandogli due nomi, quello di Guido e quello di Corrado. Con sua somma sorpresa, tutti si espressero per Corrado. Riccardo accettò, anche se egli avrebbe voluto Guido, ed inviò a Tiro una delegazione guidata da suo nipote, Enrico di Champagne, per informare Corrado. Il 20 la delegazione arrivò a Tiro accolta festosamente. Si decise per l’incoronazione ad Acri e Corrado fece capire che ora era disposto ad andare ad Ascalona per mettersi a disposizione di Riccardo. Il 28 aprile 1192, mentre tornava da solo dalla casa del suo amico il vescovo di Beauvais, due uomini lo fermarono. Mentre uno gli porgeva una lettera, l’altro lo pugnalava a morte. Uno dei due aggressori venne ucciso e l’altro fatto prigioniero. Quest’ultimo confessò che erano stati inviati dall’Uomo della Montagna, lo sceicco Sinan della setta degli assassini. Il motivo ? Gli assassini avevano vissuto tutti gli avvenimenti della Palestina con una distaccata neutralità e, in mezzo a guerre e disordini di ogni genere, si erano arricchiti con traffici di ogni genere. Una loro nave carica di merci pregiate era stata catturata da Corrado che aveva razziato tutte le merci ed affogato l’equipaggio. Ma vi sono altre ipotesi: Saladino che avrebbe corrotto Sinan; oppure la paura di Sinan che un forte stato crociato avrebbe impedito la possibilità di proficui traffici. L’ipotesi che sembra più accreditata è quella che lo stesso Riccardo abbia corrotto Sinan.

La morte di Corrado fu una perdita per il nascente regno perché Corrado era un leader astuto e rispettato anche se aveva dei nemici. Per altri versi la sua morte lasciava sua moglie Isabella libera di risposarsi con un cavaliere fuori dai giochi precedenti Isabella era già stata sposata due volte ed ora aveva una bambina di pochi mesi, legittima erede al trono). Appena saputo della morte di Corrado, Enrico di Champagne lasciò Acri per recarsi a Tiro dove fu accolto a furor di popolo come il futuro sposo di Isabella e la giovane ventunenne cedette al volere popolare (anche perché Enrico era giovane, aitante, popolare e nipote di due Re). Due giorni dopo la morte di Corrado fu annunciato il matrimonio tra i due (con scandalo perché non si rispettava almeno un anno di lutto). Enrico si consultò con Riccardo che fu entusiasta di questo matrimonio che fu celebrato ad Acri il 5 maggio 1192. I due si innamorarono vicendevolmente e scelsero come dimora il castello di Acri.

La situazione territoriale alla fine della Terza Crociata


                                                                                                                                         Altra questione che Riccardo risolse prima di partire fu la definitiva sistemazione di Cipro. I Templari non erano stati in gado di governarla e volevano rivender l’isola.  Riccardo la fece ricomprare a Guido che ai primi di maggio si recò nell’isola come padrone assoluto.

Appena risolta la questione Cipro e Guido si presentarono dei fatti che dettero a Riccardo una qualche speranza su Gerusalemme. Ebbe notizia di una rivolta contro Saladino in Mesopotamia. Approfittò di questo momento di debolezza per attaccare (23 maggio) la città di Daron, l’ultima fortezza di Saladino sulla costa palestinese ad una trentina di chilometri a Sud di Ascalona. In breve tempo la città si arrese ma Riccardo, cristianamente trucidò tutti gli occupanti o con la spada o gettandoli dalle mura. Questa facile conquista rianimò le truppe francesi ed inglesi che incitavano Riccardo a marciare su Gerusalemme. Ma Riccardo aveva ulteriori cattive notizie dall’Inghilterra e pensò di partire. Fu uno dei suoi cappellani di Poitiers che lo convinse a fare voto di restare in Terra Santa ancora un anno.

Il 7 giugno l’esercito cristiano partì da Ascalona dirigendosi a Gerusalemme. Intanto Saladino aveva ricevuto i rinforzi che aspettava da Mosul e Jezireh. Di nuovo vi fu una avanzata che portò Riccardo a vedere Gerusalemme da lontano ma subito dopo vi fu l’ordine di tornare indietro (4 luglio). Di nuovo vi fu la trattativa e questa volta Riccardo chiese a Saladino di riconoscere Enrico come Re delle terre cristiane. Saladino garantì che lo avrebbe trattato come un figlio. Poi Riccardo si trasferì ad Acri con l’intenzione di partire ma, il 27 luglio, questa evenienza offrì a Saladino l’opportunità di attaccare la città di Giaffa. La conquista fu rapida e, questa volta, furono i cristiani ad essere trucidati dai musulmani anche se Saladino cercò di fermarli. Riccardo fu avvisato e si precipitò via mare con le flotte pisana e genovese a Giaffa con l’esercito che si trasferiva via terra. Arrivò ed in breve tempo riconquistò la città mettendo in fuga i musulmani (31 luglio).

       Questa volta fu Saladino che inviò a Riccardo dei messaggeri per fare una pace che anche Riccardo voleva. Le trattative furono interrotte sul disaccordo relativo a chi doveva essere ceduta la città di Ascalona.

Il 5 agosto vi fu una nuova battaglia sotto le mura di Giaffa, battaglia che fu vinta da Riccardo che ricacciò Saladino a Gerusalemme. Ma le sue condizioni di salute unite alle notizie sempre più preoccupanti dall’Inghilterra lo riportarono a trattare la pace con la definitiva cessione di Ascalona ai cristiani ma con la sua demolizione. Il 2 e 3 settembre 1192 fu firmata la pace che sarebbe dovuta durare 5 anni.

Ufficialmente si chiudeva la Terza Crociata.

Le regine Giovanna e Berengaria si imbarcarono da Acri per l’Inghilterra il 29 settembre 1192. La stessa cosa fece Riccardo il 9 ottobre. Dopo un viaggio travagliatissimo ed un naufragio presso Aquileia, dovette proseguire a piedi e l’11 dicembre in una locanda vicino Vienna fu riconosciuto e subito condotto davanti al Duca Leopoldo d’Austria, quello la cui bandiera era stata gettata nel fossato dopo la presa di Acri. Leopoldo accusò Riccardo di aver fatto uccidere Corrado e mise in galera il Re Riccardo. Ce lo tenne per tre mesi prima di consegnarlo al suo sovrano, l’Imperatore Enrico VI. Questi lo imprigionò e lo tenne in galera per un anno rilasciandolo a marzo del 1194 dietro il pagamento di un enorme riscatto ed un giuramento di vassallaggio. Appena libero ebbe una quantità di cose da regolare per cui non riuscì più a tornare in Terra Santa come aveva promesso. Dovette sistemare tutti i guai del fratello reggente e risolvere problemi con Filippo che glia aveva invaso la Normandia. Per 5 anni combatté in terra di Francia fino a quando una freccia vagante lanciata da un castello ribelle a Limousin pose fine alla sua vita, il 26 marzo 1199.

       Intanto il 4 marzo del 1193, a 55 anni, stanco, stremato, ammalato, morirà a Damasco Saladino, il più grande ed il più nobile eroe dell’Islam.

UN BREVE BILANCIO

       Le crociate continueranno ma con la terza si chiudono le crociate più importanti. Possiamo allora provare a vedere se tra gli obiettivi che ci si erano proposti qualcuno sia stato raggiunto.

Il primo obiettivo era quello della riconquista dei Luoghi Santi e particolarmente di Gerusalemme. La conquista di Gerusalemme è durata meno di 100 anni a fronte di una gran quantità di problemi che pose. I pellegrinaggi in Terra Santa, prima liberi divennero sempre più difficili e pericolosi. Di fronte alla conquista dei latini di quei territori si accese il fanatismo musulmano. Le crociate provocarono l’insorgere in tutta Europa di un antisemitismo virulento e genocida prima inesistente che pose fine alla tolleranza. I cristiani di rito latino scoprirono in Asia Minore l’esistenza di comunità cristiane non cattoliche e ne furono sorpresi e scandalizzati. Poiché l’unico strumento noto ai cristiani contro il dissenso è la repressione violenta, quella usarono con durissime persecuzioni. Nessuno pensò ad integrare queste cospicue forze nel mondo cristiano contro il supposto nemico comune musulmano.

Il secondo obiettivo era quello di portare aiuto all’Impero bizantino in difficoltà contro l’espansione turca. Ebbene le tre prime crociate non fecero altro che acuire le differenze di vedute e religiose tra Occidente ed Oriente. Tanto è vero che, come vedremo, la Quarta Crociata sarà fatta contro Bisanzio.

Il terzo obiettivo era unire la cristianità contro gli infedeli emendandola dei suoi peccati attraverso la penitenza delle marce verso i Luoghi Santi. In Europa i cristiani si massacravano e si odiavano cordialmente. Il Papa aveva intravisto in questa missione oltremare la possibilità di incanalare l’odio verso gli infedeli con la conseguenza che si saldassero fraternamente i regni cristiani. Tutto sballato se occorre ancora dimostrare che i Papi capiscono poco non solo di teologia ma di tutto. Gli odi in Terra Santa si acuirono, esplosero divisioni, interessi cupidigia e quanto altro di peggio si possa pensare (se qualcuno ha letto quanto qui scritto sulla falsariga di Runciman, avrà colto bene quanto sto ora affermando). Vi furono divisioni tra laici e clero;  fra cavalieri e poveri, i primi con la vocazione all’arricchimento predatore, i secondi ad essere massacrati con la conseguenza di un odio sociale sempre crescente e da esportare in Europa; rivalità tra crociati occidentali, nuovi venuti e latini orientalizzati.

Vi sono alcuni storici che intravedono effetti benefici nelle crociate dal punto di vista culturale e commerciale. E’ utile in proposito leggere quanto scriveva un cronista del XII secolo, Foucher di Chartres:  

“Considerate e riflettete in qual modo nel nostro tempo Dio abbia in noi stessi trasformato l’Occidente in Oriente; noi, che eravamo occidentali, siamo diventati orientali; colui che era romano o franco è diventato qui galileo o palestinese; colui che abitava a Reims o Chartres si vede cittadino di Tiro o di Antiochia. Abbiamo già dimenticato i luoghi dove siamo nati; già sono sconosciuti a parecchi di noi, o almeno non ne sentiamo più parlare. Alcuni già possiedono in questo paese case e servi che appartengono loro come per diritto ereditario; qualcun altro ha sposato una donna che non è sua compatriota, una siriaca o un’armena, o addirittura una saracena che ha ricevuto la grazia del battesimo; chi ha in casa il genero o la nuora, o il suocero; taluno è circondato di nipoti o persino di pronipoti; l’uno coltiva vigne, l’altro campi; parlano lingue diverse e già hanno imparato a capirsi. Gli idiomi più diversi sono ora comuni all’una o all’altra nazione, e la confidenza avvicina le razze più lontane. È stato scritto infatti: ‘Il leone e il bue mangiano alla stessa mangiatoia.’ Chi era straniero è adesso indigeno, il pellegrino è diventato cittadino; di giorno in giorno parenti e congiunti sono venuti a raggiungerci qui, abbandonando i beni che possedevano in Occidente. Coloro che nel loro paese erano poveri, qui Dio li fa ricchi; coloro che avevano solo pochi scudi possiedono qui un numero infinito di bisanti; a coloro che avevano soltanto un podere a mezzadria, qui Dio dona una città. Perché dovrebbe tornare in Occidente chi trova tanto benigno l’Oriente? Dio non vuole che quanti, portando la loro croce, si sono consacrati a seguirlo cadano qui nell’indigenza. È questo, ben lo vedete, un immenso miracolo, che il mondo intero deve ammirare.”

       Ora non sarà tutto da accettare ma qualcosa di vero in questo scritto deve esservi anche se riguarda in gran parte l’aspetto  culturale e di tolleranza (in Europa non sarebbe stata possibile la situazione simmetrica). E comunque gli scambi culturali non avvennero lì, dove si combatteva senza sosta e dove le comunità erano chiuse ed occasionalmente in contatto, ma in Spagna dove la fusione dell’Islam con il Cristianesimo prevalse per secoli prima della Reconquista. Per la parte commerciale gli storici osservano che l’avvento dei Turchi in Asia Minore avevano già spostato le principali rotte commerciali, prima dirette  verso i porti della Siria, e se è vero che le città italiane si avvantaggiarono con le crociate, lo fecero per le forniture (navi, vettovaglie, prestiti in denaro) date ai crociati stessi.

Chi perse di più in prestigio e credibilità fu la Chiesa che, senza rendersene conto, stava preparando la Riforma, con indulgenze e speciali imposte riconosciute ai crociati, con il sostegno a quegli Ordini che creati in Terra Santa si trasferirono in Occidente per sfruttarlo e scandalizzarlo

Roberto Renzetti  

____________________________________________________________________________

NOTE

(1) I Selgiuchidi erano una dinastia turca iniziata in Persia (tra Mar Caspio e Lago d’Aral) intorno all’anno 1000 ad opera di Seljük.

(2) Questo è un episodio marginale che avrei omesso se non occorressero esempi ad alcune virago plasticate di Cuneo per rendersi conto della loro abissale ignoranza.

Sull’età di Aisha sono riportate da differenti storici diverse versioni che vanno dai 9 a 17 anni. Una indegna virago in circolazione, al servizio di un Sultano italiano contemporaneo, mosse scandalo in TV per questo, chiamando Maometto pedofilo. Per parte mia ricordo solo che, ancora nei primi anni Sessanta del Novecento, nel Sud d’Italia si avevano dei matrimoni con giovanette di 12 anni. Ma io sono un libertino e quindi non affidabile. Riporto quindi il giudizio dello storico Gibbon, un puritano inglese della fine dell’Ottocento, che commenta la cosa tra parentesi affermando: tanto precoce è la maturità sessuale in quel clima. Aisha prese comunque il sopravvento sulle altre 8 mogli e 3 concubine di Maometto, ebbe sempre il suo amore e la sua fiducia e, alla di lui morte, fu venerata come la madre dei fedeli. Si deve osservare che il Corano, che condanna il celibato, prevede per il fedele un massimo di 4 mogli ed un numero indeterminato di concubine (per gli schiavi le mogli sono 2). Maometto ebbe 9 mogli perché glielo aveva concesso Allah (e come no ?) attraverso una rivelazione particolare, quella riportata nella Sura 33, Versetto 52. Commenta Hamza Piccardo, il curatore della traduzione del Corano che utilizzo: Quando fu rivelato il versetto che limitava a quattro le spose dei credenti, l’Inviato di Allah (pace e benedizioni su di lui) aveva già nove mogli. Siccome per esse non era possibile contrarre un altro matrimonio (vedi versetto 53), il Profeta propose di divorziarne alcune e provvedere al loro mantenimento vita natural durante. Nessuna di loro accettò la proposta e allora Muhammad decise di limitare i rapporti coniugali a quattro di loro pur mantenendole tutte nel suo gineceo. Questa rivelazione gli permise di attuare una rotazione tra le prescelte e quelle, per così dire, “in sonno”, in modo tale che “siano confortate e cessi la loro afflizione”. E’ la fede che fa dire queste cose.

Almeno una delle Sure del Corano è dovuta ad Aisha. Durante una marcia notturna, la giovane Aisha rimase indietro per risolvere problemi fisiologici. Quando ritornò la carovana era già ripartita e lei si perse. Tornò ad unirsi agli altri solo qualche giorno dopo, accompagnata da un beduino che le salvò la vita. Maometto era molto geloso e non agì con violenza e neppure ripudiò Aisha come gli suggerì il cugino Alì, solo perché una rivelazione gli comunicò l’innocenza di Aisha. Questo ebbe l’immediato riflesso nel Corano con l’affermazione che una donna sarà ritenuta colpevole d’adulterio solo se sarà stata vista commetterlo (stylum in pixide) da almeno 4 uomini.

Quanto detto è relativo ad Aisha. Ora passiamo alle nozze citate tra un bambino di 10 anni ed una bambina di 9, nozze celebrate dal cristianissimo Patriarca di Bisanzio e comunque si vadano a rivedere tutte le nozze di varie bambine cristiane figlie di Re ed Imperatori, cristianissime tutte e spose felici anche di vecchi balordi. In questo caso diciamo qualcosa o stiamo zitti ?

(3) L’Armenia alla quale faccio ed ho fatto riferimento fino ad ora è il Regno Armeno di Cilicia o Piccola Armenia da non confondere con la Grande Armenia del Caucaso. Furono proprio degli esuli dalla Grande Armenia, in fuga dalla Grande Armenia invasa nel Medioevo dai Selgiuchidi, a creare questo regno.

(4) Sokman II, sultano di Persarmenia (Nasir ad-Din Mohammad ibn Ibrahim), signore di Khilât o Akhlat situata nella provincia di Bitlis sul Lago di Van, che aveva come vassalle città come Diyarbakır, Mayyafaraqin, dopo aver regnato per circa 40 anni, morì nel 1185 [da non confondere con Sokman II (al-Malik al-Mas’ūd Qutb al-Dīn) emiro del principato artuqide sul fiume Tigri di Hisn Kayfâ o Hasankeyf  tra il 1185 ed il 1201]

Localizzazione di Hasankeyf

(5) Imad ad-Din commentò lo spettacolo nel modo seguente: “i leoni si erano trasformati in porcospini”.

(6) Scrive Deschner che le tracce di questa reliquia si persero ma furono ritrovate dalla fantasia clericale. Alcuni prelati sostennero che, per precauzione, in battaglia era stata portata solo mezza reliquia e l’altra era stata conservata. Con la conseguenza che mezza reliquia funziona come una e, in definitiva, che le reliquie si possono moltiplicare a piacere.

(7) Saladino aveva portato sotto le mura di Ascalona i due suoi prigionieri più importanti, il Re Guido ed il Gran Maestro Gerardo. Offrì la loro liberazione in cambio della resa e vi furono anche dei comizi accorati dei due prigionieri a supplicare la resa. La popolazione rispose insultando i due e resistendo fino alla fine. Quando la città cadde, Saladino lasciò che tutti i cittadini che lo volessero se ne andassero portando con sé i beni mobili. Furono scortati ad Alessandria per potersene tornare in Europa.

(8) A Gaza Saladino operò come ad Ascalona (vedi nota precedente). Qui però vi era una norma nell’Ordine Templare che era legge per la città secondo cui si doveva ubbidire al Gran Maestro dei Templari. Gerardo ordinò la resa che divenne immediatamente operativa in cambio della libertà per Gerardo. Guido invece fu mantenuto ancora prigioniero fino alla primavera successiva, prima a Nablus poi a Lattakieh. La sua liberazione avvenne perché Saladino aveva capito che avrebbe creato molte difficoltà ai cristiani.

(9) Isacco II è della dinastia degli Angeli ed il suo nome completo è Isacco II Angelo. Nel 1185 destituì l’ultimo imperatore dei Comneni, Andronico I Comneno.

(10) La decima di Saladino, un’imposta del 10% sui redditi e sui beni mobili, fu introdotta in Inghilterra ed in Francia subito dopo la notizia della presa di Gerusalemme da parte di Saladino per far fronte ad ogni spesa che servisse per aiutare i cristiani in Terra  Santa. In Inghilterra ebbe un buon successo. La Scozia, non volle applicare questa tassa. In Francia si raccolse qualcosa ma con grande avversione. Da notare che tra gli esattori vi erano cavalieri Templari ed Ospitalieri e che il cavaliere templare Gilberto di Hoxton tentò di appropriarsi del denaro raccolto.

Questa decima provocò una durissima polemica a margine di una guerra che vide Enrico d’Inghilterra contro Filippo di Francia alleato con Riccardo, figlio di Enrico. Quest’ultimo fu accusato di aver utilizzato i soldi della decima per finanziare questa guerra.

(11) Da Wikipedia: “Quando Riccardo fu incoronato re d’Inghilterra escluse ebrei e donne dalla cerimonia, con la motivazione ufficiale che si trattava dell’incoronazione di un crociato. Alcuni membri di rilievo della comunità ebraica si presentarono ugualmente, portando doni al nuovo re, ma furono spogliati, fustigati e gettati fuori dal luogo in cui la cerimonia doveva avere luogo. A Londra si diffuse poco dopo la voce che Riccardo aveva ordinato di uccidere tutti gli ebrei e il popolo di Londra iniziò quindi un vero e proprio massacro. Le violenze continuarono per alcuni giorni. Molti ebrei furono linciati, rapinati o arsi vivi, numerose abitazioni furono abbattute e molti ebrei furono forzosamente battezzati. Alcuni conobbero le prigioni della Torre di Londra, altri riuscirono a scappare. Successivamente lo stesso Riccardo punì i colpevoli di tali violenze e permise il ritorno alla propria fede agli ebrei che erano stati battezzati con la forza. Ritenendo che le violenze potessero destabilizzare il paese proprio nel momento in cui egli era in procinto di partire per la crociata, Riccardo ordinò l’esecuzione dei responsabili degli eccidi. Poi fece circolare un editto reale dove si ordinava di lasciare in pace gli ebrei. Nonostante questo, appena Riccardo ebbe attraversato la Manica, le violenze ripresero in tutto il paese e, nel mese di marzo del 1190, vi furono altre violenze a York, dove la vicenda ebbe un tristissimo epilogo”.

Il triste epilogo fu il suicidio di massa nel castello di York della comunità ebraica che preferì morire piuttosto che subire violenze e torture. Uno dei massimi responsabili della predicazione antiebraica fu l’arcivescovo di Canterbury, Baldovino di Exeter, che fu anche un accanito propagandatore della crociata.

(12) Guglielmo di Longchamp fu fatto anche Gran Giustiziere per l’Inghilterra meridionale mentre Ugo, vescovo di Durham, lo fu per il Nord.

(13) L’anziano marchese fu rilasciato da Saladino con gesto di clemenza nel 1188 ed ebbe il permesso di tornare a Tripoli. C’è da dire che la generosità di Saladino nel liberare tutti i prigionieri, potenziali guerrieri, e di permettere loro di concentrarsi a Tiro e Tripoli, fu aspramente criticata dai suoi. Ma Saladino sapeva che i cristiani sapevano farsi del male da soli, così come lo avevano fatto nella decadenza del Regno di Gerusalemme. Tanto aveva ragione che, una volta rimessi insieme tanti principi nelle due suddette città, iniziarono invidie, lotte intestine, problemi.

(14) Clemente III, della ricca famiglia romana Scolari, colui che lanciò la Terza Crociata, desideroso di mettere piede a Roma, dove i precedenti Papi erano stati impossibilitati a farlo per 6 anni per non aver voluto riconoscere la potestà comunale del Senato, fece un accordo con le autorità di Roma con il quale veniva riconosciuta la sovranità papale su Roma, il Senato gli giurava fedeltà, la Chiesa poteva battere moneta con un terzo degli introiti che andavano al Senato per pagare le ipoteche della Chiesa. Per parte sua il Papa si impegnava a risarcire i Romani dei danni di guerra. La milizia di Roma, dietro pagamento, poteva essere utilizzata dal Papa per difendere i suoi patrimoni. Come conseguenza i nobili, legati da sempre al Papato, dovettero riconoscere il Comune con lo sgradevole risultato che i nobili si inserirono nella gestione civile snaturando via via le conquiste liberali di plebe e borghesia.

Celestino III dovette affrontare da subito la discesa dalla Germania di Enrico VI che voleva essere incoronato. Il Senato di Roma non accettò l’entrata in città degli armati tedeschi se i medesimi non se ne fossero andati via dalla difesa di Tuscolo. Enrico VI accettò e venne incoronato insieme a sua moglie Costanza (1191), subito dopo i Romani rasero al suolo Tuscolo, quel covo di nobili che tanto danno aveva fatto alla città. La degenerazione del Senato di Roma avvenne sotto questo Papa. Le lotte non erano più contro di lui ma per essere eletti senatori e qui vinse chi aveva più denaro cioè i nobili, cioè gli illustri accattoni che vivevano a spese del papa, ei vescovi e dei luoghi pii di Roma (Gregorovius). Il Senato cambiò la sua natura e divenne aristocratico con il sostegno attivo del Papa (non si sono mai smentiti e non si smentiranno mai, per maggiore gloria di Gesù). Celestino senza più l’opposizione del Senato poté incrementare le entrate della Chiesa con balzelli a tutti (chi si occupava delle finanze era Cencio Savelli, il futuro Papa Onorio III). Ma Celestino lanciò anche la IV Crociata che gli era stata chiesta da Enrico VI che voleva vendicare il padre morto affogato.

BIBLIOGRAFIA

(1) Karlheinz Deschener – Storia criminale del Cristianesimo – Ariele 2000-2010

(2) Paolo Cammarosano – Storia dell’Italia Medievale. Dal VI all’XI secolo – Laterza 2001

(3) Claudio Rendina – I Papi, storia e segreti – Newton Compton 1999

(4 ) Ferdinand Gregorovius . Storia di Roma nel Medio Evo – Avanzini e Torraca, Roma 1967

(5) Ludovico Gatto – Le crociate – Newton & Compton 2005

(6) U. Harmann (a cura di) – Storia del mondo arabo – Einaudi 2010

(7) Georges Tate – L’Orient des Croisades – Gallimard – 1999

(8) Amin Maalouf – Les croisades, vues par les Arabes – J.C. Lattés, 1983

(9) G. Tabacco, G. G. Merlo – Il Medioevo – Il Mulino 1989

(10) G. Ostrogorsky – Storia dell’impero bizantino – Einaudi 1993

(11) S. Runciman – Storia delle Crociate – Einaudi 1993

(12) G. Ortalli (a cura di) – Storia d’Europa. Il Medioevo – Einaudi 1994

(13) P. Cortesi – Il libro nero del Medioevo – Newton & Compton 2005

(14) A. Demurger – I cavalieri di Cristo – Garzanti 2004

(15) Ludovico Gatto – Il Medioevo – Newton & Compton 2005

(16) O. Capitani – Storia dell’Italia medievale – Laterza 2009

(17) J. Le Goff – La civiltà dell’Occidente medievale – Einaudi 1999

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: