Fisicamente

di Roberto Renzetti

Roberto Renzetti

… Tra gli studenti spuntò una figura singolare: Roberto Renzetti. Contestatore a prima vista, si rivelò ben presto assai equilibrato per amore della cultura. Diventerà uno dei più appassionati e generosi docenti liceali, fuggendo in Spagna, a Barcellona, in un liceo italiano che si adoperò ad intitolare a Edoardo Amaldi. Mi chiamò ad inaugurarlo.

Carlo Bernardini : Fisica vissuta, Codice Edizioni, 2006

VI RACCONTO UNA STORIA

Erano i primi giorni di novembre del 2019. Stavo scendendo le scale che mi portano allo studio. Mancavano tre gradini ed ho avuto, secondo il medico, un ictus momentaneo. Per un istante mi si è fatto tutto nero e sono caduto, Mi sono ritrovato steso per terra e la testa che aveva sbattuto da qualche parte. Non riuscivo ad alzarmi. Mio figlio mi ha dato i primi soccorsi e, vista la brutta situazione ha chiamato il 118. Un’ambulanza è arrivata in poco tempo e mi ha portato nel pronto soccorso dell’ospedale più vicino, l’Aurelia Hospital. Dopo ogni possibile indagine, la sentenza: rottura del femore destro. Dopo 10 giorni di attesa vengo operato al femore ed un chirurgo cardiovascolare risale all’origine della caduta e mi opera alla giugolare [dalla semi incoscienza sentivo chi operava chiedere all’assistente “martello e scalpello e chiave 24” ]ripromettendo un futuro intervento alla destra [poiché l’ictus nasceva da lì]. Sono stato sistemato in una stanza dove sono restato fino a metà gennaio. Ho iniziato la fisioterapia che ancora proseguo e che andrà avanti per vari mesi [sto imparando a camminare con deambulatore, carrozzina e stampelle a seconda delle necessità].

Per quel che riguarda ciò che a voi interessa in questo lasso di tempo sono stato sconnesso da tutto il mondo, inoltre in ospedale non potevo avere il computer. Ebbene il sito fisicamente, domiciliato sull’inaffidabile aruba, scadeva proprio i primi di novembre. Erano 20 anni che diligentemente pagavo il dovuto ed aruba, dopo 20 giorni di ritardo nel pagamento ha CANCELLATO IL SITO.

A fine gennaio ho telefonato perfino al server USA dove si serve aruba.  Ho offerto molto denaro ma niente. 20 anni di vita e di impegno cancellati in questo modo indegno.

Iniziavano ad arrivarmi telefonate da lettori e da amici. A loro raccontavo la mia disgrazia e la cosa però rafforzava la mia voglia di ricominciare. Ho frugato nel computer e negli hard dysk ed ho ritrovato praticamente tutti gli articoli [in modo disordinato].

Qu mi si è posto il problema che mi si pose agli inizi di fisicamente: io non sono un web master, solo uno esperto in grado di montare il tutto in un sito almeno gradevole nell’aspetto oltreché interessante. L’ideale sarebbe stata la mia prima bravissima web master [Livia] ma questa signora è da anni in rotta con me da quando non condivide le posizioni di fisicamente su Israele [trovavo e trono ancora inaccettabile le accuse di antisemitismo].

Mi sono allora messo a pensare e cercare. Dopo un gran peregrinare ho trovato un bravo giovane che sta rimontandomi il sito. Sono iniziate le prime sorprese. Il sito fisicamente.net è stato RUBATO da qualche banda di delinquenti giapponesi/coreani. Non posso più usare quel nome [vi rendete conto ?]. il mio web master dopo lunghe ricerche ha trovato la possibilità di registrare fisicamente.blog ed è ciò che ha fatto.

Ora, in attesa che quel delinquente del coronavirus ce ne dia la possibilità, cioè di farci incontrare per stabilire alcune direttive generali, sto inviando al web master alcun articoli per ricreare almeno in parte il fisicamente che fu.

Cercherò di mettere tra la montagna di articoli di cui il sito disponeva, convinto che non ci riuscirò in pieno. Poi ci leggeremo nei commenti.

Grazie per la vicinanza, la stima e l’affetto che mi avete mostrato [in particolare un grazie a Rita]

Roberto Renzetti

Articoli recenti

  • Una scuola anticostituzionale. Ovvero come il progetto Berlinguer ha spianato la strada al piano Berlusconi-Moratti
    Riflessioni di Mario Alighiero Manacorda, storico dell’educazione, sulla riforma scolastica. Fa un certo effetto leggere nell’agile libro dell’ex ministro dell’istruzione del centro sinistra, Luigi Berlinguer, La scuola nuova, l’annuncio, che «la riforma della scuola è un’opera compiuta». In realtà, se c’è un’incompiuta, è questa: il nuovo ministro del centro destra, Letizia Moratti, felicemente trionfante al …

    Continua a leggere
  • “Com’è brutta questa scuola, uccide la grande letteratura”
    Paola Mastrocola, professoressa-scrittrice, ha vinto il CampielloOra esce un suo pamphlet che susciterà sicuramente polemiche “Tra qualche anno nessuno conoscerà più i grandi autori”Si modifica e nei fatti rischia di sparire il mestiere di insegnante di VERA SCHIAVAZZI Un mestiere che non c’è più, quello dell’insegnante. Un patrimonio, la letteratura, che sta per scomparire. E …

    Continua a leggere
  • GLI IRRIDUCIBILI CONTINUANO LA DEMOLIZIONE DELLA SCUOLA
     Roberto Renzetti             La speranza che nell’ambito dell’opposizione vi sia una rivisitazione critica e sostanziale delle riforme scolastiche che hanno preso le mosse da Bassanini e Berlinguer va affievolendosi ogni giorno di più. A questa speranza delusa e prostrata si sostituisce una indignazione sempre maggiore. Si sta giocando una partita epocale e c’è chi non …

    Continua a leggere
  • RIFORMA MORATTI: DISEGNO DI LEGGE n° 1306-B
    Ecco il testo  della Riforma Moratti approvato  definitivamente in Senato il 12 marzo 2003. Subito dopo vi è una scheda riassuntiva di esso, quindi seguirà un mio commento. Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale presentato dal Ministro dell’istruzione, …

    Continua a leggere
  • LE MANI SULLA SCUOLA
    (Pubblicato sul n° 6 di Insegnare del giugno 2004) Roberto Renzetti “Le scuole saranno più efficienti se saranno sottoposte alle leggi del mercato capitalistico e, come tutte le aziende, entreranno in concorrenza le une con le altre per attirare i loro clienti: gli studenti.  A questo scopo serve un sistema statale di buoni scuola emessi all’ordine …

    Continua a leggere
  • Sostiene Bertagna …
     Roberto Renzetti … a proposito dell’eliminazione dell’evoluzionismo dai programmi della Scuola Primaria.ROMA – “Non sono un esperto di materie scientifiche, quindi non sono l’autore dei programmi di Scienze della scuola secondaria di primo grado. Ma condivido le scelte di fondo che hanno elaborato gli esperti”.    Il professor Giuseppe Bertagna, docente di Scienza della Formazione all’Università …

    Continua a leggere
  • CARLO BERNARDINI SU ALCUNE QUESTIONI RELATIVE A SCIENZA E SCUOLA
    Roberto Renzetti Carlo Bernardini è uno scienziato che coniuga brillantemente cultura, impegno e disponibilità. E’ noto per i suoi molteplici impegni nella vita civile e sociale e, particolarmente,  per la pace ed il disarmo e per la scuola. Il suo nome, oltre che a innumerevoli contributi teorici, è legato all’”invenzione” ed alla realizzazione della capostipite di …

    Continua a leggere
  • Scienza e Scuola
     Roberto Renzetti (pubblicato sul n° 4/2004 di Insegnare)                Ma è necessaria la scienza? (*) Non è una domanda oziosa, oggi. Sono passati anni da quegli interrogativi che ci ponevamo nel 1968. La scienza è neutrale? Che rapporti vi sono tra scienza e società? La scienza lavora contro gli interessi dei cittadini o per migliorare le condizioni …

    Continua a leggere
  • IL DIDATTICISMO DI REGIME
    tratto dal libro di Massimo Bontempelli, L’agonia della scuola italiana, Editrice CRT Pistoia,2000, pp.19-34. http://www.ilpartitoperlascuola.it/files/didatticismomb.htm Un aspetto di particolare rilievo del processo di innovazione in atto nella scuola attraverso il quale risultano meglio comprensibili anche i fatti concreti che abbiamo fin qui osservato, è la pressione esercitata sugli insegnanti per far loro adottare nuovi metodi didattici. Mai …

    Continua a leggere
  • AUTONOMIA: un contenitore funzionale
    Massimo Bontempelli http://www.ilpartitoperlascuola.it/files/mbautonomia.htm La cosiddetta autonomia scolastica, introdotta dall’articolo 21 della legge sul decentramento amministrativo – meglio nota come legge Bassanini – non è una tessera come tante  del mosaico della riforma  della scuola, né, tantomeno, rappresenta uno spazio istituzionale che offra agli insegnanti migliori opportunità. Occorre evitare, a questo proposito, le percezioni ingannevoli indotte …

    Continua a leggere