Fisicamente

di Roberto Renzetti

(vai all’articolo che è in PDF su: PAGINE => DOCUMENTI)

A quanto leggerete nell’articolo, a vari annidi distanza, debbo purtoppo dire che avevo ragione. Il treno verde ha permesso a svergonati opportunisti ed arrampcator di fare carriere molto ben remunerate e molto distanti dai nobili fini che si avrebbero dovuti avere. Io sono stato derubato di una speranza, una immensa illusione intorno alla quale ancora oggi si tentano strade diverse: un mondo verde. Se ripenso a Gianni Mattioli che ha chiuso la carriera comprando un prestigioso appartamento, a prezzi scontatissimi, a Valle Giulia, fregandosene del movimento che lo ha arricchito. Peggio: lasciandolo nelle mani di un altro gaglioffo come Pecoraro Scanio.

Proprio quando sarebbe stata necessaria una spinta propulsiva verde, da noi i verdi sono diventati una macchieta sotto l’ombra radicale (una calamità).

Neanche a dire “speriamo bene” perché alla mia età non è permeso sperare.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: