Introduzione alle criptovalute: La Blockchain

Prima di cominciare a tenere una piccola rubrica che tratterà dello strano universo delle criptovalute, volevo ringraziare Roberto Renzetti per lo spazio che mi concede su questo meraviglioso blog.

Mi chiamo Massimiliano De Falco e lavoro per un’azienda che offre servizi ad aziende di telecomunicazione, gestisco questo blog dalla cabina di regia e chiedo scusa in anticipo se il mio scrivere non sarà perfetto, soprattutto per quanto riguarda la punteggiatura.

Al fantastico mondo delle criptovalute mi sono avvicinato diversi anni fa, quando iniziai a sentir parlare di questo “bitcoin” e del suo potenziale, ma anche di quanto fosse pericoloso e folle. Mi sono sempre sentito un precursore di ogni nuovo investimento di cui mi sono interessato in passato e resto ancora aggiornato, per quanto possibile, rispetto alle sempre nuove opportunità di profitto; anche non per forza legate al mondo delle criptovalute.

Tornando al protagonista di questo primo capitolo della storia, il bitcoin è stata ed è ancora l’unica vera moneta virtuale mai creata prima del lontano 2009. Tutte le altre devono definirsi altcoin, ovvero alternative coin o monete alternative, derivate tutte dalla sorgente. E quando parliamo di criptovalute ci riferiamo ad un codice che è stato scritto appositamente su una rete che prima non esisteva, qualcuno ha trovato un modo per generare qualcosa di intangibile in grado di generare valore, il funzionamento di questo sistema è la blockchain (catena a blocchi).

Il valore attuale del bitcoin (20 Marzo 2023) si attesta a circa 27000$ e quando questa storia ha inizio il suo valore era di pochi centesimi, in realtà parliamo di un valore iniziale di 0,00000001 e quindi molto oltre lo zero.

Ma torniamo al metodo che ha permesso a questa idea di diventare business ed essere attualmente molto più forte dell’oro, venendo identificato come punto di forza e bene rifugio durante i crolli delle borse.

La spiegazione tecnica di blockchain si trova facilmente su internet ed inserisco per comodità il link preso da wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Blockchain

Ma devo dire che la strada per diventare famosa è stata ricca di domande e dubbi, legati soprattutto al fatto che potesse essere una colossale bufala che avrebbe fatto perdere tutti i soldi ai primi investitori, uno dei quali ero proprio io. Purtroppo col senno di poi, non mi sono fidato della mia intuizione ed ho rivenduto i miei 1000 bitcoin che avevo correttamente “minato” ed estratto dalla blockchain, ad una cifra che mi ha consentito di togliermi qualche soddisfazione ma che avrebbe potuto invece rendermi ad oggi, milionario.

La blockchain permette quindi attraverso i miner, che sono utenti normali, di validare tutte le transazioni che vengono eseguire su questa rete. Il ruolo degli utenti è fondamentale, senza almeno 2 persone validanti le transazioni sulla rete a blocchi non esisterebbero. I minatori vengono di conseguenza pagati per il lavoro che svolgono e la risoluzione di un blocco determina un compenso in bitcoin, nell’ordine di 50 btc (acronimo di bitcoin) a blocco. In principio per risolvere il calcolo dei primi blocchi ci voleva poco tempo ed ancor meno “risorse macchina” o GPU, difatti un blocco può essere validato unicamente attraverso linguaggio macchina, restando sempre connessi alla rete.

Da qui il tema del dispendio di energia e l’enorme impatto ambientale che oggi giorno suscita enorme scalpore, ma i minatori del bitcoin continuano ad estrarre porzioni di codice dalla blockchain generando profitto con le loro server farm. Immaginate interi capannoni pieni zeppi di server, connessi alla rete, intenti ad eseguire i calcoli necessari a validare le richieste degli utenti di tutto il mondo.

Nel prossimo articolo parleremo dello Staking e di altre interessanti criptovalute



Categorie:Criptovalute

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: